. L'agroalimentare di qualità: una eccellenza dell'artigianato e una risorsa per il turismo

Italia prima al mondo per prodotti agroalimentari di qualità

Per l’Italia il turismo costituisce una risorsa fondamentale che non esaurisce le sue potenzialità nelle visite delle città d’arte o nella permanenza in luoghi di villeggiatura.

Sempre più il turista che visita l’Italia è attratto dalla possibilità di potere vivere esperienze uniche nelle quali si fondono insieme arte, natura, shopping e enogastronomia. In altre parole l’attrattività del nostro Paese deriva dalle produzioni del Made in Italy oltre che su un patrimonio artistico e paesaggistico unico al mondo

Tra le produzioni del Made in Italy maggiormente attrattive vi è sicuramente l’enograstronomia che rappresenta un asset che, alla stregua di quello artistico e culturale, permette all’Italia di vantare diversi primati.

L'Italia è infatti il primo Paese al mondo per numero di prodotti agroalimentari di qualità. Con 269 riconoscimenti Dop (Denominazione di origine controllata), Igp (Indicazione geografica protetta) e Stg (Specialità tradizionali garantite) conferiti dall’Unione Europea, il nostro Paese occupa il gradino più alto in un podio nel quale al secondo posto figura la Francia (219 riconoscimenti) e al terzo la Spagna (180 riconoscimenti).

Questi dati appaiono ancor più rilevanti quando tradotti in termini di quote percentuali: a livello mondiale il 21,5% delle produzioni agroalimentari di qualità sono italiane mentre il 61,5% proviene da quattro paesi che si affacciano sul Mediterraneo (Italia, Francia, Spagna e Grecia).

 

 

L’enogastronomia è sinonimo di micro-piccola impresa e artigianato

L’agroalimentare di qualità è il fiore all’occhiello di un sistema produttivo fondamentale nell’economia del nostro Paese. Complessivamente, infatti, il settore alimentare conta oltre 56mila imprese (il 14,2% delle imprese manifatturiere) che occupano oltre 426mila addetti (il 11,7% del sistema manifatturiero) e realizzano un fatturato che nel 2014 ha superato i 129 milioni di euro (pari al 14,9% del fatturato dell’intero sistema manifatturiero italiano).

Il settore alimentare è poi soprattutto un sistema produttivo di micro e piccole imprese e a forte connotazione artigiana. Le micro e piccole imprese che operano nel settore alimentare sono infatti il 98,4% del totale, occupano il 62,4% degli addetti e realizzano il 39,6% del fatturato complessivo. 

 

Documenti Allegati: 
Area Tematica: