. Primo trimestre 2018: si arresta la crescita della produzione industriale complessiva ma non quella dei comparti dell'artigianato

La crescita dell’economia italiana nei primi tre mesi dell’anno non ha potuto contare sull’apporto dell’industria. Secondo i dati di produzione industriale, infatti, l’incremento congiunturale trimestrale calcolato rispetto al periodo ottobre-dicembre 2017 è risultato nullo, interrompendo così una sequenza di variazioni positive iniziata nel secondo trimestre 2016.

Nonostante questa pausa nel primo trimestre, l’incremento su base annua continua a essere consistente (+3,4%), determinato da variazioni positive che, fatta eccezione per i beni energetici (-2,5%),  hanno riguardato tutte le principali industrie. Le variazioni tendenziali più marcate sono quelle dei beni non durevoli (+5,3%), dei beni strumentali (+4,7%) e dei beni intermedi (+3,0%). Si tratta di dati particolarmente incoraggianti che, per quanto riguarda i beni durevoli, riflettono una maggiore fiducia delle famiglie e, relativamente ai beni strumentali e intermedi, una crescente propensione all’investimento da parte delle imprese.

Una lettura più attenta dei dati, disaggregata per singoli comparti, rivela che, a dispetto della variazione congiunturale nulla dell’indice complessivo di produzione industriale, la manifattura ha continuato a crescere segnando un incremento dello 0,2% rispetto all’ultimo trimestre del 2017. Questo risultato, ascrivibile alla crescita registrata nel mese di marzo, è stato determinato dai comparti caratterizzati da una maggiore presenza di imprese artigiane.

Tra i settori con una forte connotazione artigiana variazioni congiunturali significative sono state registrate nel comparto del Tessile, Abbigliamento e Pelli (+2,4%), della Metallurgia (+0,5%), della Meccanica (+0,3%) e dagli Alimentari e bevande (+0,1%). Tra i settori della manifattura “pesante”, ovvero quei comparti con una maggiore vocazione industriale nei quali è preponderante la presenza delle imprese più strutturate, invece, variazioni positive si sono registrate per il Coke e Raffinazione (+1,2%) e per la Farmaceutica (+0,9%).

Gli unici due comparti artigiani che hanno registrato il segno meno nei primi tre mesi dell’anno sono quelli del Legno, Carta e Stampa (-07%) e le Altre attività manifatturiere (-0,4%).  Diminuzioni produttive significative hanno interessato anche il comparto della Chimica (-0,6%), della Gomma plastica (-2,2%), dei Mezzi di Trasporto (-2,2%) e delle Apparecchiature Elettriche (-2,3%).

La manifattura italiana continua quindi a vivere una fase di crescita diffusa, e garantita dall’apporto delle imprese più piccole, che appare differente da quella dello scorso anno quando l’aumento della produzione era stato determinato soprattutto dallo slancio del settore dei mezzi di trasporto.

 

Documenti Allegati: 
Area Tematica: