. Rete Imprese Italia al Tavolo Maxi-Conguagli del MISE

Si è tenuto ieri un incontro per definire una soluzione condivisa al problema delle maxi-bollette

Martedì 22 dicembre si è tenuto presso il Ministero dello Sviluppo economico il secondo incontro del Tavolo sui Maxi-conguagli alla presenza del Sottosegretario Simona Vicari.Al Tavolo, istituito su input parlamentare a seguito di alcune mozioni presentate al DDL Concorrenza, Rete Imprese Italia ha partecipato con i principali attori coinvolti nella fliera dell'energia (distributori, venditori e clienti finali (consumatori ed imprese), per cercare di dare una soluzione al problema delle maxi-bollette. Le fatture per maxi-congualgli, infatti, sono calcolate dal venditore sulla base del consumo "arretrato" fino a cinque anni prima, a rettifica di bollette inesatte perchè mancanti dell'effettiva misura del dato di consumo da parte del distribuotre. Nel caso di una impresa, una maxi-bolletta può pesare anche per decine di migliaia di euro, e rischia di comprometterne l'attività quotidiana, nei casi più gravi fino al fallimento. L'attenzione del Governo sul tema è alta e l'invito alle parti conivolte è quello di raggiungere un accordo volontario per agevolare gli utenti finali. CNA e le altre associazioni aderenti a Rete Imprese Italia hanno ribadito la necessità di individuare ed allocare esattamente la resposnabilità delle mancate letterure tra distributore e venditore e di prevedere sempre la possibilità di rateizzare le bollette di importo così ingente. Inoltre, è di fondamentale importanza accorciare i termini della prescrizione dagli attuali cinque anni a due. 

Area Tematica: