. Comunicazione delle anomalie nei dati contabili e strutturali indicati nelle dichiarazioni presentate dal 2014 al 2016

Come ogni anno è partita la campagna dell’Agenzia delle Entrate volta ad indicare, in via bonaria, le irregolarità riscontrate nelle dichiarazioni UNCO-2014, UNICO-2015 ed UNICO-2016, nei dati strutturali e contabili indicati ai fini dell’applicazione degli studi di settore. Per quest’anno saranno inviate ai contribuenti o agli intermediari, oltre 147.000 inviti a mettersi in regola spontaneamente.

Si tratta, ad esempio, di situazioni nelle quali “risulta un’incoerenza tra le rimanenze finali indicate nel modello relativo al 2014 e le esistenze iniziali indicate nel modello relativo al 2015 (vedi caso n. 5), ovvero nelle quali dall’analisi dei modelli degli studi di settore presentati, risulta un’incoerenza tra “la mancata indicazione del valore dei beni strumentali e l’indicazione delle relative quote di ammortamento” (vedi caso n. 11). Per l’esame totale delle 70 diverse tipologie di casi di anomalia, (58 relativi esclusivamente alle attività di impresa, 6 esclusivamente ad attività professionali e 6 ad entrambe le tipologie di reddito), si rinvia alla pagina web del sito dell’Agenzia delle entrate.

Le comunicazioni di anomalia sono pubblicate nel cassetto fiscale dei contribuenti interessati, i quali, qualora abilitati ai servizi telematici, potranno visualizzare l’avviso personalizzato e riceveranno un messaggio via Sms o mail.

Inoltre, nel caso in cui il contribuente abbia effettuato la specifica opzione in Unico-2016, la comunicazione sarà inviata tramite canale Entratel all’intermediario delegato; diversamente, al contribuente sarà inviato un messaggio di posta certificata (PEC) con l’avviso che nel proprio cassetto fiscale è presente una comunicazione di anomalia nei dati degli studi di settore.

Il soggetto che riceve la comunicazione informale di anomalia può, alternativamente:

  1. rettificare l’anomalia riscontrata, pagare le maggiori imposte dovute ed ottenere una riduzione delle sanzioni variabile secondo  il momento nel quale viene effettuata la correzione dell’anomalia, attraverso l’istituto del ravvedimento operoso;
  2. fornire chiarimenti e precisazioni riguardanti l’anomalia riscontrata tramite il software gratuito “Comunicazioni anomalie 2017”, già disponibile sul sito www.agenziaentrate.it  nella sezione dedicata agli studi di settore

Al fine di non perdere tali possibilità si consiglia di prestare, pertanto, attenzione ai messaggi inviati dall’Agenzia delle Entrate tramite PEC, Mail ovvero SMS.

Resta pertanto confermata la nuova strategia dell’Agenzia delle Entrate volta ad incentivare forme di comunicazione più evolute volte ad incentivare la “compliance” piuttosto che ad emettere avvisi di accertamento perentori che portano a peggiorare ulteriormente il rapporto fisco contribuente e ad estenuanti contenziosi.

 

Area Tematica: