. La deducibilità dei costi non segue l’anno di detraibilità dell’iva

Il regime di cassa per la determinazione del reddito delle imprese in contabilità semplificata, basato sulle registrazioni Iva, non è influenzato dalla disciplina Iva, per cui il costo viene dedotto nell’anno in cui la registrazione è eseguita a prescindere dall’anno in cui l’Iva viene detratta.

E’ quanto dichiarato dall’Agenzia delle Entrate nell’ambito dell’iniziativa “Telefisco”, organizzata dal quotidiano IlSole24 ore, in linea con quanto da tempo affermato dalla CNA.

In particolare l’Agenzia, rinviando alla circolare 17 gennaio 2018, n. 1/E (cfr. Notizia 18 gennaio 2018) in cui fornisce la chiave di lettura al coordinamento degli articoli 19, comma 1, e 25, comma 1, del DPR n. 633/1972, precisa che le fatture di acquisto datate e ricevute nell’anno 2017 possono essere registrate nel 2018, e comunque non oltre il 30 aprile 2018 (termine di presentazione della dichiarazione Iva per l’anno 2017), al fine di poter esercitare il diritto alla detrazione dell’IVA relativo all’anno 2017.

Pertanto, ai fini delle imposte dirette, nell’ipotesi in cui il contribuente abbia optato per la determinazione del reddito nei registri Iva come disciplinato dall’articolo 18, comma 5, del D.P.R. n. 600/1973, le fatture di acquisto ricevute nel 2017 e registrate nel corso del 2018 comportano la deducibilità del costo nell’anno 2018, dal momento che per effetto del citato articolo 18 si presume che la data di registrazione del documento coincida con quella in cui è avvenuto il relativo pagamento.

Area Tematica: