. Validati 70 ISA nella Commissione di esperti riunita il 14 dicembre 2017

La Commissione di esperti degli studi di settore, nella riunione del 14 dicembre 2017, ha analizzato vari aspetti del percorso che porterà al superamento degli studi di settore e all’introduzione degli Indicatori Sintetici di Affidabilità (ISA).

La Commissione ha approvato, seppur in via sperimentale, i 70 ISA realizzati nel corso del 2017, ha approvato l’elenco delle attività per le quali saranno realizzati nel 2018 i relativi 82 ISA, ma ha anche approvato le metodologie di costruzione dei, già noti, correttivi congiunturali da applicare agli studi di settore in vigore al periodo d’imposta 2017, fino all’approvazione della metodologia riguardante la costruzione di specifici correttivi che colgano il passaggio dalla “competenza” alla “cassa” per il periodo d’imposta 2017.

Con specifico riferimento alla realizzazione dei 70 ISA avvenuta nel corso del 2017, occorre sottolineare che, come già avveniva con gli studi di settore, ha visto il coinvolgimento delle categorie imprenditoriali che hanno potuto apprezzare la positiva evoluzione rispetto allo strumento degli studi di settore, rappresentando un forte e deciso segnale di cambiamento da tempo sollecitato dagli stessi operatori. Il superamento degli studi di settore e del loro utilizzo come strumento di accertamento, e la contestuale sostituzione con indicatori sintetici di affidabilità utilizzati per la selezione dei contribuenti cui assegnare forme di premialità graduale a seconda voto ottenuto, rappresenta un passaggio importante nella realizzazione della compliance e del rafforzamento della collaborazione tra Amministrazione finanziaria e contribuenti.

Ovviamente non sono mancate considerazioni e perplessità sull’applicazione degli ISA, sia di carattere generale che su specifiche questioni sui singoli mestieri che è possibile consultare in allegato.

Dalla discussione di tali temi in Commissione sono emerse da una parte la disponibilità di Sose a valutare l’impatto delle segnalazioni medianti ulteriori supplementi di analisi ed eventualmente prevedere successive modifiche/integrazioni/correttivi agli ISA, dall’altro al recepimento anche immediato delle sollecitazioni formulate dalle categorie. Il tutto, tuttavia, avendo ben chiaro l’obiettivo di far prevalere la massima semplificazione nei modelli di compilazione dati da parte delle imprese.

Per tali motivi la Commissione esperti ha approvato all’unanimità i 70 ISA realizzati nel 2017 anche se, è probabile che la loro applicabilità fiscale sia differita di un anno (vedi notizia del 15 dicembre 2017, n. 92). Da qui la “sperimentalità” che nonostante lo slittamento al 2018, per i 70 ISA approvati sarà possibile effettuare, da parte delle imprese e dei consulenti che li assistono, delle prove di applicazione già nel corso del 2018 con riferimento al periodo d’imposta 2017. Ciò non può che essere valutato positivamente in quanto consentirà anche di sperimentare, prima della loro entrata in vigore, la loro applicabilità sul campo consentendo così una verifica degli esiti e delle problematiche eventuali che dovessero emergere. Tali anomalie/considerazioni potranno essere segnalate dai contribuenti/consulenti direttamente alla Sose (MonitoraggioStudi@Sose.it).

Sempre in tema di ISA, la Commissione ha conseguentemente approvato, all’unanimità, le attività che saranno oggetto di analisi nel 2018 per la realizzazione dei restanti 82 ISA il cui elenco è allegato alla presente.

Con riferimento ai correttivi da applicare agli studi di settore in vigore per il periodo d’imposta 2017, la Commissione ha approvato all’unanimità le relative metodologie.

Da una parte viene riconfermato il percorso metodologico già applicato lo scorso anno e che porterà alla realizzazione dei correttivi congiunturali di settore, territoriali e individuali, oltre alla modifica delle soglie per taluni indicatori di coerenza.

Dall’altra, la necessità di tenere conto dell’introduzione del regime delle imprese minori (cd.regime di cassa) a partire dal periodo d’imposta 2017. Il passaggio dalla “competenza” alla “cassa” per le imprese che hanno aderito al nuovo regime potrebbe determinare anomalie nell’applicazione di strumenti costruiti su analisi effettuate su dati su cui sono applicati i principi della competenza. La costruzione di un correttivo che cogliesse tale problematica doveva però rispondere alle sollecitazioni fornite dalle associazioni di categoria ispirate ad evitare il proliferare di nuove informazione sui modelli dati e di evitare che l’iter per la realizzazione di tale correttivo comportasse l’allungamento dei tempi di rilascio del software di Gerico. Conseguentemente la metodologia di costruzione è stata basata sull’analisi dei dati già presenti nei modelli studi (strutturali e contabili), dai Bilanci depositati e dalla banca dati di Unico PF, SP e SC (per valutare le durate medie dei crediti e dei debiti) e da alcuni dati desumibili dalle dichiarazioni IVA per le operazioni effettuate (per valutare le aliquote medie delle vendite e degli acquisti). Tale analisi con riferimento ai dati 2016, consentirà di cogliere gli andamenti comportamentali delle imprese che non hanno applicato il criterio di competenza applicandogli così correttivi mirati che tengano conto, tra l’altro, della quota delle vendite effettuate B2B e B2PA, del modello organizzativo (cluster) e dell’area geografica di appartenenza. Il percorso metodologico, come detto, è quindi stato approvato, ma i risultati ed effetti di tali correttivi saranno presentati dalla Sose in specifici incontri entro marzo 2018, consentendo così alla Commissione di esperti una loro valutazione più precisa.

I passaggi sopra descritti rappresentano un tassello importante di un quadro che, è in corso di costruzione, ma che porterà vantaggi alle imprese sotto vari profili (semplificazioni, minori accertamenti e vantaggi premiali) e sui quali CNA si è sempre battuta e continuerà a farlo nell’interesse delle imprese che rappresenta (vedi una per tutte  la Notizia 8 marzo 2017, n. 10).

 

 

Slide presentate sui correttivi congiunturali e correttivi di cassa

 

 

Validazione dei 70 ISA

 

Documenti Allegati: 
Area Tematica: