. Rapporto sull’Innovazione COTEC 2014

Cresce l'apporto delle PMI alla spesa in R&S e il numero di addetti dedicati

La CNA ha partecipato ieri alla presentazione, presso il Ministero degli Affari Esteri, del rapporto annuale sull’innovazione predisposto dalla Fondazione COTEC, impegnata insieme alle Fondazioni COTEC di Spagna e Portogallo nel miglioramento della competitività tecnologica nei tre Paesi.

Lo studio fa il punto sullo stato della ricerca e dell’innovazione in Italia effettuando analisi comparative con i principali competitor europei (Germania, Francia, Gran Bretagna), con Spagna e Portogallo, paesi con i quali esistono molte somiglianze nella struttura produttiva e tecnologica e, a livello internazionale, con Stati Uniti, Giappone e Cina.

I dati riportati sono stati attinti da molteplici fonti statistiche ufficiali (ISTAT, Eurostat, OCSE), oltre che da altre fonti per le indagini e le rilevazioni più specifiche (Unioncamere, IMD – Institute for management development, World Economic Forum).

Dall’analisi emergono, in particolare, due dati in controtendenza,  l’apporto alla spesa in R&S da parte delle PMI sta crescendo, mentre, si registra una diminuzione nelle imprese di maggiori dimensioni. Altro dato in controtendenza è la crescita del numero di addetti alla R&S delle imprese sul totale degli occupati, nonostante il perdurare della crisi.

Segnali, questi, che dimostrano la tenuta occupazionale delle attività collegate alla R&S e lo sforzo profuso per contrastare la crisi, soprattutto da parte delle realtà produttive medio – piccole, in direzione di una valorizzazione degli investimenti in innovazione.

Persistono, tuttavia, carenze e criticità strutturali, che amplificano le difficoltà del Paese rispetto alle performance dei competitor internazionali, l’insufficiente spesa in R&S rispetto  al PIL, il limitato numero di addetti alle attività di R&S sul totale degli occupati e la focalizzazione dell’industria su attività a medio – bassa intensità tecnologica.

Area Tematica: