. Dalle Dogane arrivano indicazioni sulle detrazioni delle accise dei terreni agricoli

L’Agenzia delle Dogane e dei Monopoli, attraverso la Nota n. 5049 pubblicata lo scorso 16 gennaio sul proprio sito istituzionale, offre dei chiarimenti relativi alle agevolazioni fiscali sulle accise nel settore agricolo.

 

Il documento si pone come correttivo della Nota n. 104162, diramata il 15 settembre 2017. Quest’ultima aveva confermato la riduzione dell’aliquota sull’accisa di gasolio e benzina utilizzati per la lavorazione di terreni agricoli in comodato ma, nel fare questo, aveva introdotto il gravoso obbligo di forma scritta e registrazione del contratto di comodato ai fini dell’ottenimento dell’agevolazione.

 

Alla luce di ciò, le Dogane sono intervenute nuovamente sul tema, stabilendo che, ai fini dell’accesso all’aliquota ridotta per le accise nei carburanti, il comodatario del terreno può allegare una dichiarazione sostitutiva dell’atto di notorietà (ai sensi dell’art. 47, D.P.R. n. 445/2000), con la quale attesta, a propria responsabilità, che il terreno è di sua esclusiva utilizzazione. Lo stesso adempimento viene richiesto per il proprietario fondiario comodante.

 

La dichiarazione sostitutiva resa dall’esercente comodatario e dal proprietario del terremo devono essere presentate, insieme alla richiesta di accesso all’agevolazione, all’Ufficio incaricato. Laddove si verificassero variazioni che vadano a mutare i dati dichiarati, il comodante dovrà comunicarlo all’Ufficio competente entro 30 giorni dall’avvenuto mutamento.

Agenzia delle Dogane, Nota 16 gennaio 2018, n. 5049.pdf

Area Tematica: