. Gli alimenti cambiano faccia

Dal 13 dicembre si applica il regolamento. europep 1169/2011

Da domani 13 dicembre 2014 troverà piena applicazione il nuovo regolamento in materia di etichettatura degli  alimenti apportando varie novità rispetto alla  legislazione attualmente in vigore. La normativa in questione si basa sul regolamento europeo 1169/11 ed è il risultato di anni di lavoro del Consiglio e del Parlamento Ue con lo scopo di realizzare una base comune per regolamentare le informazioni sugli alimenti e consentire ai consumatori di compiere scelte consapevoli. In linea teorica, dunque, le nuove regole rispondono a un'esigenza di maggiore trasparenza, contribuiscono a uniformare le legislazioni dei singoli paesi e a garantire la libera circolazione di alimenti sicuri.

Fin qui tutto bene. Ma a leggere con attenzione gli articoli del regolamento, che modifica e abroga tutta una serie di direttive precedenti, ci si accorge che qualche lacuna c'è. Per questo motivo, CNA Alimentare dopo aver organizzato centinaia di incontri con le imprese del settore. dà alcune prescrizione

.

SINTESI DELLE NOVITA

INDICAZIONI SULLA PRESENZA DI ALLERGENI

necessarie anche per i cibi non imballati, ad esempio quelli venduti sfusi oppure somministrati nei ristoranti o nelle mense

 

TABELLA CON DICHIARAZIONE NUTRIZIONALE OBBLIGATORIA dal 2016, che dovrà contenere le informazioni sul contenuto energetico e le percentuali di grassi acidi, grassi saturi, carboidrati, zuccheri, proteine e sale, espresse per 100g o per 100ml di prodotto e potranno essere espresse anche in porzioni

 

ETICHETTE PIU' LEGGIBILI

con dimensione minima dei caratteri tipografici

 

DATA DI SCADENZA

 riportata oltre che sull’imballo esterno, anche sull'incarto interno dei prodotti confezionati singolarmente

 

DIVIETO di INDICAZIONI FUORVIANTI SULLE CONFEZIONI

 aspetto, descrizione e presentazione grafica dovranno essere più comprensibili per non confondere il consumatore.

 

TUTTE LE ETICHETTE DOVRANNO RIPORTARE

come già accade, denominazione dell'alimento, elenco degli ingredienti e relativa quantità, quantità netta dell'alimento, scadenza o termini di conservazione, nome o ragione sociale dell'operatore che commercializza l'alimento, istruzioni per l'uso, volume alcolometrico solo nel caso di prodotti contenenti più dell'1,2% di alcool 

Allergeni in evidenza dal 13 dicembre: obbligo per tutti gli operatori alimentari

Dal 13 dicembre prossimo, tutti gli operatori del settore alimentare dovranno evidenziare gli allergeni, qualora presenti tra gli ingredienti. Partendo dal presupposto che il consumatore finale deve poter essere informato sulla presenza di allergeni nei cibi, tale diritto del consumatore è da garantire in qualsiasi forma o situazione si presenti quando acquista:

  • prodotti preconfezionati (allergeni evidenziati in etichetta),
  • sfusi o preincartati (allergeni evidenziati su apposito cartello o sul libro degli ingredienti),
  • consumati sul posto (cartelli ben esposti nelle rosticcerie, pizze al taglio, gastronomia, ecc.)
  • somministrati (allergeni evidenziati nel menù, oppure sul menù apposito richiamo e foglio addizionale con elenco degli allergeni, da fornire su richiesta del cliente).

 

Attenzione a breve potrebbero esserci delle modifiche sui prodotti sfusi che CNA Alimentare sta discutendo con il Ministero dello Sviluppo Economico.

 

 

 

Area Tematica: