. Arezzo i dati dell' Export di preziosi

Export aretino, il 2017 in calo per i preziosi. Bene invece gli altri settori: più 14 per cento

Se depurato dalle componenti relative ai metalli preziosi e agli oggetti di oreficeria, il dato annuale evidenzia una brillante crescita del 14% confermando che le aziende aretine hanno saputo cogliere la crescita evidenziata dalla maggior parte delle economie mondiali negli scorsi mesi.

Le esportazioni della provincia di Arezzo nell’anno 2017 si sono attestate a poco più di 6,5 miliardi di euro, in diminuzione del 2,5% rispetto al 2016. Le importazioni sono rimaste pressoché invariate (+0,2%) ed il saldo commerciale si è ridotto del 6,5%, attestandosi a circa 2,6 miliardi di euro.

Il dato complessivo del 2017 conferma il grado di apertura ai mercati esteri del nostro sistema imprenditoriale, grado che, è bene ricordare, colloca la nostra provincia, per valori assoluti, tra le prime 20 in Italia, al quarto posto se si rapporta l’export al numero delle imprese ed al primo posto nazionale per il rapporto export/abitanti. Se depurato dalle componenti relative ai metalli preziosi e agli oggetti di oreficeria, il dato annuale evidenzia una brillante crescita del 14% confermando che le aziende aretine hanno saputo cogliere la crescita evidenziata dalla maggior parte delle economie mondiali negli scorsi mesi.

La nota negativa dell'export  di Arezzo e che condiziona significativamente il risultato complessivo, è quella riferita all’andamento dei metalli preziosi (cioè lingotti, verghe,ecc…): nel 2017 i flussi verso l’estero sono stati pari a poco più di 2 miliardi di euro ed hanno presentato una flessione del 22% rispetto al 2016. Una flessione causata all’estrema debolezza della domanda mondiale di oro che è scesa al livello più basso dal 2009. Se si considera il ruolo svolto dal metallo giallo come bene rifugio in tempi di crisi, la flessione potrebbe anche essere una conferma indiretta di un clima più positivo per l’economia mondiale. Infatti la maggior parte del calo è ascrivibile alle flessione delle richieste degli operatori del settore finanziario e dalle banche centrali, non sufficientemente bilanciata dall’aumento del 4% della domanda mondiale di gioielleria, che ha coinvolto tutti e tre i principali mercati: Cina, India e Stati Uniti (fonte: World Gold Council).

Le esportazioni aretine di oreficeria e gioielleria hanno beneficiato del miglioramento appena evidenziato mettendo a segno nel 2017 un incremento del 5,5% delle vendite all’estero e avvicinandosi alla soglia dei due miliardi di euro. Poiché, come già detto, tale risultato non beneficia in questa occasione dell’aumento del prezzo dell’oro si potrebbe ipotizzare una crescita effettiva dell’export della gioielleria ancora maggiore di quella evidenziata. 

Per quanto riguarda i mercati di sbocco continua la flessione della domanda proveniente dagli Emirati Arabi (-5,1%), anche si intravede un allentamento delle difficoltà rispetto agli anni precedenti.Al contrario forniscono un deciso supporto positivo Hong Kong (+21,6%), Turchia (+22,8%), Stati Uniti (+7,7%) e Francia (+4,1%) .Per quanto riguarda in particolare il mercato statunitense, il 2017 è stato un anno particolarmente positivo per le esportazioni orafe italiane: le vendite sono infatti aumentate del 22,5%, toccando quasi il miliardo di dollari e ponendo l’Italia al terzo posto fra gli importatori di settore con una quota di mercato del 10,9%, in deciso recupero rispetto agli anni precedenti (Fonte: United States International Trade Commission). La speranza è che questa fase positiva non venga pregiudicata dalle recenti tensioni commerciali emerse fra USA e UE a seguito delle politiche di inasprimento dei dazi doganali da parte dell’Amministrazione Trump. 

Fonte dati: Camera di Commercio di Arezzo

Area Tematica: