. L'anno del cibo italiano

Il Ministero dei beni e delle attività culturali e del turismo, insieme al Ministero delle politiche agricole, alimentari e forestali, inaugura il 2018 Anno del Cibo Italiano con una campagna social tutta incentrata su alimenti e piatti d’autore, quelli realizzati con tempera e chiaro scuro, in marmo o su ceramica, belli da concepirne profumo e gusto.

Dodici mesi per dire che il cibo e l'agroalimentare italiani sono i più grandi al mondo, il 2018 sarà l'Anno nazionale del cibo italiano. Gli intenti dei due ministri – Maurizio Martina delle Politiche agricole e Dario Franceschini della Cultura –, è quello di unire forze e risorse per promuovere e difendere qualcosa che fa parte della nostra economia oltre che della nostra storia. E che vale ormai decine e decine di miliardi di euro oltre che il buon nome dell'Italia nel mondo

Da gennaio dunque, prenderanno il via manifestazioni, iniziative, eventi legati alla cultura e alla tradizione enogastronomica italiana. Si punterà, sulla valorizzazione dei riconoscimenti Unesco legati al cibo come la Dieta mediterranea, la vite ad alberello di Pantelleria, i paesaggi della Langhe Roero e Monferrato, Parma città creativa della gastronomia e all'Arte del pizzaiuolo napoletano iscritta di recente e che vede proprio la CNA tra i protagonisti.

Ma sarà anche l'occasione per il sostegno alla candidatura Unesco già avviata per il Prosecco e quella per l'Amatriciana. Allo stesso tempo saranno attivate iniziative per far conoscere e promuovere, anche in termini turistici, i paesaggi rurali storici, per il coinvolgimento e la promozione delle filiere e ci sarà un focus specifico per la lotta agli sprechi alimentari. Con alcune iniziative particolari. Il legame fra cibo, paesaggio, identità, cultura per esempio, verrà sottolineato dando avvio al nuovo progetto dei distretti del cibo coinvolgendo i protagonisti a partire da agricoltori, allevatori, pescatori, cuochi, le produzioni alimentari artigianali, evidenziando la capacità di fare sistema per un grande investimento per l'immagine del nostro Paese nel mondo.

Dal primo gennaio una campagna di comunicazione dei musei statali porrà l'attenzione sul rapporto, nei secoli, tra arti e enogastronomia, sottolineandone il ruolo fondamentale nella costruzione del patrimonio culturale italiano.

Dunque cibo, arte e paesaggio, cultura e storia, buona tavola ed economia, in un insieme difficile da scomporre nelle sue parti, ma certamente significativo. Anche dal punto di vista del bilancio dell'intero Paese. Basta pensare che nel 2017 le esportazioni agroalimentari hanno toccato il traguardo dei 40 miliardi di euro.

http://www.beniculturali.it/annodelciboitaliano