. Enrico Vanzina, Marcello Fonte e Gabriele Mainetti premiati speciali

Si è svolta nella serata di domenica 9 dicembre, la cerimonia di Gala per la consegna dei prestigiosi premi “Chioma di Berenice”

La Chioma di Bereniceil riconoscimento cinematografico italiano assegnato annualmente agli artigiani ed artisti attivi nel mondo del cinemaacconciatori, truccatori, costumisti, scenografi e compositori di colonne sonore, è giunto quest'anno alla ventesima edizione.

Istituito nel 1998, anno del centenario della nascita del cinema, dalla CNA Confederazione Nazionale dell’Artigianato e della piccola e media impresa, il premio è stato concepito e voluto come “riconoscimento e omaggio della cinematografia italiana alle professionalità artistiche ed artigianali che caratterizzano ogni produzione”.

In questa 20° edizione del premio, sono stati numerosi gli ospiti presenti presso il Salone Margherita di Roma, lo splendido teatro liberty a due passi da Piazza di Spagna. Presidente di Giuria quest’anno il regista Pierfrancesco Pingitor,  affiancato dalla Presidente del Premio, la costumista Graziella Pera e dal Direttore Filippo D’ Andrea.

Presenti il regista Ricky Tognazzi e l'attrice Simona Izzo che hanno premiato la costumista Alfonsina Lettieri e i compositori Paolo Vivaldi e Alessandro Sartini per la fiction, da loro diretta e sceneggiata, “La vita promessa”. Premiati anche lo scenografo Francesco Friggeri e il truccatore Giancarlo del Brocco per la prima stagione della splendida serie televisiva "I Medici". L’ acconciatrice cinematografica  Mirella Ginnoto è stata premiata per il film d’arte di Sky "Michelangelo Infinito" interpretato dal Enrico Lo Verso.

I costumisti  Maurizio Millenotti e Gianni Casalnuovo hanno ricevuto il prezioso riconoscimento per i costumi di "The Happy Prince", film esordio alla regia dell’attore britannico  Rupert Everett, che ricrea il mondo e il personaggio dell’ultimo dandy, Oscar Wilde. Francesco Pegoretti, in collegamento da Praga, ha ringraziato per il premio ottenuto grazie alle acconciature del film "Napoli Velata" di Ferzan Opzetec. Mentre il regista  Alberto Rondalli ha consegnato la Chioma di Berenice allo scenografo Francesco Bronzi per il film gioiello  "Agadah". Il critico musicale Dario Salvadori ha premiato Antonio Fresa e Luigi Scialdone per la colonna sonora del fortunato film animato "La gatta Cenerentola". I truccatori Daria Colli e Lorenzo Tamburini hanno ricevuto il premio per il loro lavoro nel film "Dogman" di Matteo Garrone dalle mani del protagonista Marcello Fonte, a sua volta premiato come attore rivelazione dell’anno. Premio speciale  a Enrico Vanzina, per celebrare la sua carriera nel cinema a partire dagli esordi, con il padre Stefano, in arte Steno, e ricordando il fratello Carlo da poco scomparso.

Il premio speciale per il ventennale della Chioma di Berenice, assegnato con votazione on line sulla pagina facebook della comunità di cinefili Cinematti, che ad oggi conta 73.216 iscritti, è stato consegnato dal fondatore Nicola di Monte, e da una nutrita rappresentanza di iscritti, al regista Gabriele Mainetti perché il suo film "Lo chiamavano Jeeg Robot" è risultato il più amato tra un elenco di 20 film, uno per anno, scelti tra quelli premiati dalla Chioma di Berenice dal 1998 ad oggi. Per questo avvenimento il premio è stato trasmesso in diretta facebook sulle pagine di CNA e su quella di Cinematti per un possibile pubblico di oltre 105.000 spettatori web.

La serata è stata allietata da intermezzi musicali interpretati dai due giovani cantanti Mattia Pedretti ed Eleonora Zepponi e dalle delicatessen dolciarie appositamente create per l’occasione dal maestro cioccolatiere e presidente di Cna Agroalimentare, Mirco della Vecchia.             

 

 

Links: 
Area Tematica: