. A Cervia dal 13 luglio al 28 agosto “CibARSi”: l’arte del cibo. Dal territorio alla tavola”

Sarà inaugurata venerdì 13 luglio, alle 19.00, presso i Magazzini del Sale di Cervia  la mostra fotografica “CibARSi. L’arte del cibo. Dal territorio alla tavola”, curata da Mirco Villa, portavoce nazionale dei fotografi CNA, e dedicata alle opere di autori affermati a livello internazionale e a fotografi locali che metteranno in risalto quanto il patrimonio della cucina italiana sia unico al mondo e quanto i singoli territori abbiano vocazioni specifiche.

In un’epoca dove sembra non si possa più fare a meno di parlare, raccontare, immortalare, condividere esperienze gastronomiche fin quasi all’esasperazione, la mostra cerca di spostare il punto di vista, raccontando il cibo, appunto, attraverso la fotografia come elemento di rappresentazione artistica che dell’oggetto esalta i colori, le linee, le forme, le suggestioni: una mostra che deve essere apprezzata con gli occhi e con i sensi.

“CibARSi” rientra, quindi, in questo percorso come libera e originale testimonianza di un artigianato che diventa arte e va ad arricchire il nostro panorama artistico e culturale, caratterizzandosi come artefice di un processo di crescita continua delle nostre realtà locali.

L’intento, infatti, è quello di valorizzare un elemento fondamentale della cultura italiana, il cibo appunto, e attraverso di esso far conoscere e promuovere, anche dal punto di vista turistico, i paesaggi rurali storici e le filiere alimentari. Questa mostra fotografica mette in evidenza lo stretto legame tra cibo, arte e paesaggio, sottolineando quanto il patrimonio enogastronomico faccia parte del patrimonio culturale e dell’identità  di un territorio.

Negli ultimi decenni - sottolinea Mirco Villa - la fotografia ha sviluppato sotto varie forme la sua forza comunicativa: l’immagine trasmette istantaneamente informazioni, suggestioni, emozioni. In parallelo è maturato l’interesse nei confronti della cucina e del “mangiar bene”, ed è cresciuta la consapevolezza che il cibo possiede una forte connotazione culturale e che le abitudini alimentari rappresentano un tratto distintivo di ogni territorio”.

Il 2018 è stato proclamato “Anno Nazionale del Cibo Italiano” dal Ministero delle Politiche Agricole Alimentari e Forestali e da quello dei Beni Culturali e del Turismo; fotografare materie prime e piatti di lunga tradizione consente pertanto di far conoscere meglio la cultura gastronomica del cibo italiano.

Nella mostra alcuni autori affermati a livello internazionale e fotografi locali metteranno in risalto quanto il patrimonio della cucina italiana sia unico al mondo e quanto i singoli territori abbiano vocazioni specifiche. Stili diversi che rispecchiamo diversi modi di vivere e interpretare il cibo. Scatti a volte provocatori, espressivi, oppure documentativi, ma certamente di grande impatto e diretti a un pubblico di tutte le età.

La mostra vuole proporre al visitatore un percorso che narri l’intera storia di ciò che mangiamo. A partire dal paesaggio naturale o coltivato che ospita e fa crescere le materie prime, nelle fotografie di Mirco Villa e Gian Luca Liverani, attraversando la trasformazione artigianale e industriale raccontata da Jessica Morelli e Giancarlo Polacchini, per giungere al valore dei piatti che arricchiscono la nostra tavola, rappresentato dalle immagini di Antonio Barrella, e finire con il progetto di Peter Menzel che suggerisce una riflessione sull’aspetto sociale dell’alimentazione.

Area Tematica: 
Mestiere: