. Per la ricostruzione gare in partenariato pubblico privato

Semplificazione della ricostruzione privata escludendo l'obbligo, per famiglie e imprese, dell'anticipo ai professionisti; apertura ai privati per realizzare opere pubbliche in partnariato pubblico privato con i contributi del Commissario.

Queste le novità in arrivo entro gennaio per la ricostruzione del Centro Italia, anticipate dalla commissaria straordinaria Paola De Micheli.

La commissaria anticipa inoltre le prime ordinanze 2018, a cominciare da quella sulla ricostruzione privata (la n.46, che sarà registrata dalla Corte dei Conti giovedì e pubblicata subito dopo). «L'ordinanza sulla ricostruzione - spiega De Micheli - elimina il problema dell'anticipazione ai professionisti richiesta a famiglie e imprese per affidare riparazioni e ricostruzioni. Ci sono semplificazioni sulle fasi della preistruttoria e sulla gara privata per i lavori». Viene inoltre prorogato al 31 ottobre 2018 il termine per le istanze.

Subito dopo arriverà un'ordinanza (n.47) per ricostruire opere pubbliche e infrastrutture attraverso le modalità del partenariato pubblico-privato. «Abbiamo individuato - spiega sempre De Micheli - una specifica modalità per utilizzare, nel cratere, le risorse del commissario nel quadro delle norme del codice appalti sul partenariato pubblico-privato. È uno strumento in più che diamo alle Regioni e ai vari soggetti attuatori per accelerare le gare».

Tra le ordinanze più attese c'è quella sul maxi-piano da 940 milioni, tra edifici pubblici e alloggi popolari (il testo è alla Corte dei Conti). In questa lista ci sono tutti gli edifici scolastici danneggiati, dentro e fuori il cratere, finanziati al 100%. «Entro questo mese - anticipa inoltre De Micheli - avremo anche la mappatura completa per finanziare la messa in sicurezza del territorio contro il rischio idrogeologico». La lista degli interventi e del relativo finanziamento (ancora non quantificato) sarà oggetto di un'apposita ordinanza.

Area Tematica: