. Rapporto ANAC su andamento del primo quadrimestre 2017 delle procedure di affidamento perfezionate (importo superiore o uguale a €40.000 )

Il mercato dei lavori pubblici in ripresa nel 2017: attivate procedure per 3,9 miliardi

Il Rapporto quadrimestrale ANAC si suddivide in 4 sezioni, una generale contenente le statistiche aggregate dei contratti pubblici, e tre sezioni di dettaglio relative alle diverse tipologie di contratto (lavori/servizi/forniture ), in cui viene effettuata un’analisi comparata con il quadrimestre dell’anno precedente(2016).

La fonte dei dati è la Banca dati nazionale dei contratti pubblici (BDNCP) aggiornata a fine agosto 2017.                               

Tutti i dati e gli importi a base d’asta ( da non confondere con l’importo contrattuale che tiene conto del ribasso di aggiudicazione) fanno riferimento alle procedure di affidamento cd. “perfezionate” per le quali cioè è stato pubblicato un bando (nel caso di procedure aperte) o è stata inviata una lettera di invito (nel caso di procedure ristrette o negoziate) ovvero è stata manifestata la volontà di affidare l’appalto (nel caso di affidamenti diretti). La data di riferimento è quella di pubblicazione risultante dal sistema SIMOG.

Mercato in ripresa nei primi quattro mesi del 2017. Questo emerge dall'analisi dell'ANAC, che ha appena pubblicato i dati sull'andamento dei bandi di importo superiore ai 40mila euro, nel quale si evidenzia un elemento molto interessante: la fase di spaesamento seguita alla pubblicazione del Codice appalti sembra superata e, anzi, il settore dei lavori ha ricominciato a marciare. Nei settori ordinari sono state attivate procedure per 3,9 miliardi (il 10% di tutti i bandi nel nostro Paese) con un incremento del 13,4%. Un dato in controtendenza rispetto all'andamento fatto registrare dagli appalti di servizi che cala di ben 26 punti percentuali.

Cala il totale dei Codici Identificativi Gara (CIG)  perfezionati, che scendono da 7.561 a 6.656, con una riduzione di dodici punti: segno che il valore medio delle procedure è salito di molto. Ancora più consistente l'incremento dei settori speciali: hanno toccato quota 2,1 miliardi di euro, salendo del 43% circa. In valore assoluto si tratta di oltre 600 milioni in più.

Una nota interessante riguarda le procedure più utilizzate nel corso di questi primi quattro mesi dell'anno. L'ANAC, infatti, evidenza il forte aumento delle procedure negoziate previa pubblicazione di bando, che sono più che raddoppiate: anche se si tratta di numeri che tengono dentro i servizi e le forniture. Anche il mercato elettronico comincia a prendere corpo: i sistemi dinamici di acquisizione, che prima rappresentavano una quota minima del mercato, sono cresciuti in maniera esponenziale (+751%). Su queste tendenze ha probabilmente influito anche l'attivazione del mercato elettronico di CONSIP per alcune categorie di lavori.

Documenti Allegati: