. Anche i serramenti performanti devono tornare all'aliquota al 65%

La Commissione Bilancio della Camera dei deputati nella seduta di sabato ha approvato alcune proposte emendative al testo della Legge di Bilancio per il 2018. Per l’area tematica 3 (Agevolazioni per gli interventi di efficienza energetica negli edifici, di ristrutturazione edilizia, per l’acquisto di mobili, detrazione per sistemazione a verde e cedolare secca ridotta per alloggi a canone concordato) è stato approvato un emendamento che concede la detrazione fiscale del 65% esclusivamente per le caldaie in classe A con termovalvole.

Tale decisione assegna una maggiore premialità a prodotti più performanti e, analogamente, per quanto deciso per le caldaie, chiediamo che lo stesso meccanismo venga previsto anche per i serramenti più performanti.

Infatti, già oggi è possibile valutare un diverso apporto in termini di riduzione delle perdite energetiche sia per conduzione (trasmittanza termica) sia per ventilazione (permeabilità all’aria dei serramenti e dei giunti di installazione) fra diversi serramenti. Per premiare maggiormente i serramenti performanti e assegnare loro l’aliquota di detrazione al 65% sarebbe sufficiente stabilire limiti sulla permeabilità all’aria e richiedere la conformità dei giunti di installazione al requisito 5.3 della UNI 11673-1.

Chiediamo, quindi, che il Parlamento assegni differenti aliquote ai serramenti premiando con il 65% quelli che sono in grado di offrire un maggiore contributo al risparmio energetico. 

Area Tematica: