. Il settore del mobile consolida la propria crescita

Il Rapporto, predisposto ogni anno dallo CSIL (Centro Studi Industria Leggera), analizza le dinamiche del settore del mobile in Italia e nel mondo anche per singoli comparti produttivi (mobili per la cucina, mobili per la casa, mobili per l’ufficio e imbottiti).

Dall’analisi emerge che nel corso del 2017 il settore del mobile in Italia ha consolidato la propria crescita sia sul mercato interno che estero.

Dal lato della domanda interna il clima di fiducia, la conferma del bonus mobili, la crescita del reddito disponibile delle famiglie unita alla ripresa del mercato delle compravendite immobiliari e all’erogazione dei mutui per l’acquisto prima casa, hanno contribuito alla ripresa positiva dell’intero settore.

Per quanto riguarda la struttura produttiva del settore del mobile in Italia la crisi ha selezionato le imprese che ora sono più solide e continuano ad investire sui macchinari per la lavorazione del legno. I segnali di ripresa stanno interessando tutti i principali distretti produttivi (Veneto, Emilia Romagna/Toscana, Marche, Brianza, Pordenone e Udine).

Sul lato delle esportazioni i dati del 2017 mostrano una dinamica più positiva rispetto all’andamento del 2016. Si registra un aumento della crescita dell’export verso i mercati dell’Unione Europea e verso USA e Cina. Il mercato francese resta la principale destinazione delle vendite estere da parte delle imprese italiane. Resta, al contrario, ancora debole la domanda dalla Russia e dai Paesi del Medio Oriente. In relazione ai dati del commercio mondiale di mobili l’Italia vanta la terza posizione subito dietro la Cina e la Germania e continua ad essere al quarto posto tra i produttori al mondo di mobili dopo Cina, USA e Germania.

Le previsioni per il 2018 confermano una crescita del settore. La Legge di Bilancio per il 2018, in corso di approvazione, contiene ancora elementi di sostegno ai consumi. Sul versante estero si prevede che nel 2018 i mobili italiani guadagneranno competitività in termini di prezzi nei confronti dei principali competitors. 

Focus del rapporto di quest’anno è lo sviluppo del digitale nel settore dell’arredamento italiano. Compito dell’Associazione è, infatti, anche quello di accompagnare le imprese lungo il processo della digitalizzazione soprattutto ora che il mercato è cambiato. L’e-commerce sta diventando, infatti, un canale aggiuntivo rispetto alla rete tradizionale di vendita. Il cliente è oggi sempre più esigente e preparato grazie alla facilità delle informazioni sulla rete. Pertanto, diventa sempre più strategico, soprattutto per le piccole e medie imprese, investire sulla comunicazione promozionale, su nuovi canali di vendita, sulla digital innovation per non essere schiacciati dalla grande distribuzione ed essere in grado di offrire ai clienti prodotti unici, non standardizzati e personalizzati.

 

Area Tematica: