. Approvata dall'Anac la direttiva per la vigilanza

Il Consiglio dell’Autorità anticorruzione (Anac) ha approvato la direttiva programmatica sull’attività di vigilanza per il 2017 che individua le priorità di intervento e i mezzi attraverso i quali perseguire la prevenzione dei fenomeni corruttivi nei settori di competenza dell’Autorità. Nel provvedimento è previsto il rafforzamento dei controlli sui soggetti aggregatori e sul ricorso al subappalto, le verifiche sul rispetto del principio di rotazione per gli incarichi sotto soglia e il divieto di frazionamento degli appalti. Novità che riguardano anche restauratori dei beni culturali e archeologi. 

Tre le sezioni in cui si articola la direttiva e il conseguente piano ispettivo: vigilanza sulle misure anticorruzione, gli obblighi di trasparenza, le inconferibilità e incompatibilità; vigilanza sui contratti pubblici; vigilanza sul sistema di qualificazione.

Fra le varie disposizioni previste, il rafforzamento dei controlli sui soggetti aggregatori e sul ricorso al subappalto, le proroghe nel comparto dello smaltimento rifiuti, le verifiche sul rispetto del principio di rotazione per gli incarichi sotto soglia e il divieto di frazionamento degli appalti. Previsti specifici approfondimenti in tema di affidamenti diretti e apposite indagini o ispezioni in settori risultati particolarmente critici come i servizi di pulizia in ambito sanitario e quelli di facility management.

Direttiva programmatica sull’attività di vigilanza per l’anno 2017

 

Area Tematica: