. Al via SELFIEmployment, Milo: “Una buona notizia per i futuri giovani imprenditori”

Erogare finanziamenti agevolati senza interessi e non assistiti da nessuna forma di garanzia reale e/o di firma, con un piano di ammortamento della durata di sette anni, di importo variabile da un minimo di 5mila ad un massimo di 50mila Euro, a favore degli iscritti a Garanzia Giovani che intendano avviare iniziative di autoimpiego e di autoimprenditorialità. Lo annuncia in una nota il ministero del Lavoro spiegando che è questa la finalità di SELFIEmployment, il Fondo Rotativo Nazionale promosso dal Ministero del lavoro e delle politiche sociali e gestito da Invitalia, che si avvicina ai nastri di partenza.

Una buona notizia per chi ha le potenzialità e il coraggio di avviare un’impresa – afferma Stefania Milo, Presidente di CNA Giovani Imprenditori – in una fase in cui l’economia sta per ripartire, il credito è ancora latitante soprattutto per le giovani generazioni senza particolari garanzie. L’iniziativa del Ministero del Lavoro va nella giusta direzione – conclude Milo – a vantaggio di chi ha le idee e le capacità necessarie ma non ha le possibilità di fare il primo passo, mettersi in proprio e organizzare una attività di impresa”.
Come chiarisce l'avviso pubblicato dal Ministero da martedì 1° marzo sarà infatti possibile presentare le domande per ottenere le agevolazioni, utilizzando la procedura informatica a disposizione sul sito di Invitalia. Il Fondo Rotativo Nazionale SELFIEmployment opera con risorse provenienti dai Programmi Operativi Nazionali "Iniziativa Occupazione Giovani" e "Sistemi di Politiche Attive per l'Occupazione" e da Programmi Operativi Regionali, con una dotazione finanziaria complessiva di partenza pari a 114,6 milioni di Euro, localizzati prevalentemente nelle regioni Obiettivo Convergenza, con la Sicilia che garantirà ai giovani residenti oltre la metà dell’intero fondo.

Quest’iniziativa fa il paio con quanto sviluppato dal Ministero dello Sviluppo Economico sulle Start-up innovative negli ultimi anni, da ultimo con la possibilità di costituire una startup innovativa mediante un modello standard tipizzato con firma digitale senza il necessario ricorso ad un notaio.

Area Tematica: