. CNA Fita interviene sulla protesta dei mezzi pesanti sull’Aurelia

CNA Fita e Confartigianato Trasporti intervengono congiuntamente in merito alla protesta dei cittadini di Arcola a seguito del parere sfavorevole espresso da Anas Liguria all’ordinanza di interdizione al transito dei messi pesanti sull’Aurelia.

“Ribadiamo la nostra posizione a sostegno degli autotrasportatori - scrivono in nota congiunta CNA Fita e Confartigianato Trasporti  – come, infatti, è emerso dai dati dai referenti della Polizia stradale al tavolo di confronto sulla problematica istituito dalla Prefettura l’incidentalità sul quel tratto di strada non è dovuta al passaggio dei mezzi pesanti.  Non possiamo che esprimere rammarico nel constatare che viene alimentata una guerra tra “poveri”, da una minoranza organizzata contro una categoria che lavora adattandosi alla situazione e vivendo  per propria parte disagi e difficoltà.

Trovare soluzioni allo spostamento dei mezzi pesanti in un’ottica di sicurezza dei cittadini tutela anche l’autotrasportatore, sul suo lavoro infatti viene scaricata la responsabilità di mancanze infrastrutturali e viarie, senza contare che il mezzo rallentato e costretto a fare chilometri aggiuntivi rappresenta un costo dal punto di vista economico ed un danno ambientale.

Teniamo a sottolineare che CNA Fita e Confartigianato Trasporti rappresentano sul territorio provinciale il 99% degli autotrasportatori, questo in replica a chi cerca visibilità e sostiene cause a nome del comparto, di fatto non rappresentandolo. Precisiamo infine che l’ultimo incidente stradale avvenuto sull’Aurelia in cui è rimasto coinvolto l’autista di un tir rimasto fortunatamente illeso è stato a  causa di un’automobilista.

Auspichiamo che sia possibile, viste le problematiche e i disagi, arrivare ad un concreto piano strategico verso l'attenuazione della problematica e la collaborazione fra i territori anche se il nodo della questione resta la conformazione del sistema infrastrutturale, e - concludono le due associazioni  -  lavoriamo costruttivamente per poter trovare soluzioni in grado di tutelare i cittadini, gli autotrasportatori e le necessità logistiche dell’economia portuale”.

Area Tematica: