. Conclusa la kermesse "Fatto bene": degustazioni, laboratori e percorsi alla scoperta dell'artigianato e del territorio

La CNA di Ascoli Piceno ha avviato, in sinergia con il Comune di Ascoli Piceno e la collaborazione della Camera di Commercio, un’azione mirata per la promozione del centro storico e della città nel suo complesso. L’azione, relativa alla valorizzazione della creatività e dell’artigianato tipico e artistico nella location rinnovata di piazza Ventidio Basso, si inserisce nel contesto delle azioni già avviate dall’Associazione e che hanno fra le punte di diamante l’azione ormai consolidata dei maestri artigiani orafi per la Quintana. La prima uscita del progetto della CNA di Ascoli “Fatto Bene” si è tenuta nei giorni 1, 2 e 3 maggio in piazza Ventidio Basso. Lo slogan di questo primo evento è stato “Vieni con noi, non ti portiamo in giro!”. Una chiave anche ironica per incentivare cittadini e turisti a scoprire tutte le caratteristiche e le bellezze del centro storico di Ascoli. “Per questo motivo – spiega Barbara Tomassini, presidente provinciale di CNA Artistico e tradizionale – anche se tutti gli eventi di cui siamo protagonisti si svolgeranno a piazza Ventidio Basso, la nostra azione, partirà sempre da piazza Arringo”.

A piazza Arringo ci sarà sempre un info point della CNA con materiale promozionale, cartine e indicazioni per raggiungere piazza Ventidio Basso. E non solo. Chi vorrà, invece di addentrarsi a piedi nelle “rue” ascolane potrà arrivare al “Centro del gusto” della CNA anche utilizzando un risciò che l’Associazione mette a disposizione di cittadini e turisti. “L’azione CNA – aggiunge Luigi Passaretti, presidente provinciale dell’Associazione – coinvolge diversi settori produttivi e prosegue nell’azione di messa in rete del nostro saper fare. Saranno infatti coinvolti nell’azione gli artigiani CNA dell’alimentare, artistico e della moda”.

“La sinergia con il Comune di Ascoli – è la considerazione di Francesco Balloni, direttore della Cna di Ascoli – e il coinvolgimento di artigiani di svariati settori è l’elemento di forza della nostra azione. Ed è anche la speranza che questa strada che cerchiamo di percorrere, segni il passo per azioni di più ampio respiro di messa in rete di imprese che producono eccellenza e rendono unico il Made in Italy”.

GLI ARTIGIANI IMPEGNATI. Questo l’elenco degli artigiani della Cna Picena presenti all’evento del primo, 2  e 3 maggio. Antonio Narducci (ceramica), Confettificio Corvaro (confetti), Artè di Barbara Tomassini (ceramica), Andrea Fusco (ceramica), Alessandro Lisa (foggiatura della creta), Barbara Petrelli (ceramica), Patrizia Bartolomei (porcellana), Feliziani (tartufi), Oleificio Silvesti di Isabella Mandozzi (olio), Pane e dolci (Il Forno di Pio), Associazione delle Pagliarole di Acquaviva, Anna Maria Gandini (ceramica), Lara Acquaroli (camiceria e accessori La Maga Circe), SI.MA calzature della famiglia Marsili.

I dettagli del format che la CNA picena riproporrà una volta al mese per tutto il 2015. In risciò nelle "rue" storiche di Ascoli: la CNA fa centro per quanto riguarda l'interesse suscitato fra turisti e cittadini.

Nella tre giorni della CNA di Ascoli i visitatori, oltre ad ammirare le dimostrazioni degli artigiani e apprezzare i manufatti, si sono potuti anche cimentare in estemporanee gare alimentari. Gli organizzatori hanno coinvolto il pubblico e venerdì hanno dato vita a una gara - fra i presenti - a chi mangiava olive tenere ascolane (offerte dall’Oleificio Silvestri). Sabato, invece, è stata la volta di un’ennesima gara: questa volta a chi mangiava più maritozzi artigianali (offerti dal Forno di Pio.

Per arricchire culturalmente e artisticamente le tre giornate  in piazza Ventidio Basso la CNA ha programmato visite guidate nella chiesa di San Pietro Martire (curate dagli architetti Lina Pagano e Paola Antonini). Anche nelle prossime edizioni di “Fatto Bene”, quindi con scadenza mensile, la CNA riproporrà a cittadini e turisti percorsi artistici e culturali di grande suggestione e sicuramente poco conosciuti.