. Incentivi alle piccole imprese, criteri da migliorare

La CNA-SHV prende atto con soddisfazione dell’incontro di martedì 7 novembre durante il quale il presidente della Provincia, Arno Kompatscher, ed i dirigenti Defant e Stofner hanno presentato alle associazioni di categoria i risultati del primo bando appena concluso per gli incentivi alle piccole imprese dei settori, artigianato, commercio e industria e illustrato le possibili modifiche per il bando previsto nel 2018.

“Il governatore Kompatscher – afferma Claudio Corrarati, presidente regionale della CNA-SHV - ha convenuto sulla validità della nostra posizione, ovvero che la riduzione della pressione fiscale è il primo vero contributo che può essere dato alle aziende. Allo stesso tempo abbiamo rilevato quanto avevamo segnalato già alla fine del 2016 per la stesura del primo bando del 2017, ovvero che i 30 punti assegnati alle aziende con sede nei Comuni strutturalmente deboli sono eccessivi.

Su 178 imprese che hanno beneficiato del sostegno della Provincia, oltre la metà ha scalato la graduatoria grazie al punteggio per i Comuni strutturalmente deboli. Riteniamo che i criteri per individuare le zone svantaggiate debbano tenere conto di chiari parametri legati all’economia e all’occupazione. Alcuni centri di fondovalle e alcuni quartieri del capoluogo hanno disoccupazione elevata e forte morìa di imprese, eppure non rientrano tra le zone svantaggiate. Si crea una concorrenza falsata tra piccole imprese della stessa provincia perché c’è chi può accedere a punteggi elevati per la zona svantaggiata e chi non può farlo, rimanendo così nella parte bassa della graduatoria, senza speranza di ottenere l’agevolazione”.

“Nel complesso – prosegue Corrrarati – è apprezzabile lo sforzo della Provincia, che vuole modificare i criteri per l’accesso a questa contribuzione finalizzandoli a crescita, occupazione e innovazione”. 

In questo contesto di contribuzioni e sgravi fiscali, la CNA-SHV continua a portare avanti la sua battaglia per l’abolizione dell’IMI sugli immobili strumentali “che sarebbe un’agevolazione certa e continua in grado di dare un vero sostegno alle imprese”, conclude Corrarati. 

Area Tematica: