. Investimenti, Welfare e formazione: le proposte al Parlamento europeo

L’imprenditoria femminile: una risorsa da tutelare e supportare a livello europeo”. Questo il messaggio della presidente nazionale di CNA Impresa Donna, Paola Sansoni, in apertura del pranzo di lavoro con le Europarlamentari italiane organizzato dall’ufficio di CNA Bruxelles che si è tenuto al Parlamento Europeo.

Intorno al tavolo 16 imprenditrici impegnate a livello nazionale e territoriale sulle tematiche di genere accompagnate da Cristiana Alderighi, Coordinatrice nazionale di CNA Impresa Donna e Elisa Vitella, Coordinatrice di CNA Bruxelles.

Un’ occasione informale che ha permesso di confrontarsi concretamente su temi importanti quali investimenti, welfare e formazione per le donne imprenditrici.

Patrizia Toia, Vice Presidente della Commissione ITRE e Capo delegazione del PD al Parlamento europeo ha aperto il pranzo congratulandosi con la delegazione di CNA Impresa Donna per i risultati ottenuti a livello nazionale. Continuando, Silvia Costa (S&D –PD), fino a qualche mese fa Presidente della Commissione CULT, ha sottolineato l’importanza del protocollo di intesa, siglato il 4 giugno 2014, volto a favorire l’accesso al credito delle imprese femminili nelle diverse fasi del loro ciclo di vita e, partendo dagli stessi principi, ha condiviso con CNA Impresa Donna e le sue colleghe Europarlamentari una possibile iniziativa sul Fondo Europeo per gli Investimenti Strategici previsto dal piano Junker.

Elisabetta Gardini, Capo delegazione di Forza Italia al Parlamento europeo e Membro della Commissione ENVI, si è resa disponibile a mettere in contatto la delegazione con il Forum delle donne euro-latino americane, di cui è Vicepresidente.

I diversi input delle imprenditrici hanno animato il pranzo, favorendo l’intervento delle altre Eurodeputate impegnate sui temi del commercio internazionale e dell’occupazione. Tiziana Beghin (EFDD – Mov 5 Stelle), membro della Commissione INTA, si è soffermata sulla necessità di introdurre nuovi indicatori di performance negli accordi commerciali che tengano conto anche degli aspetti qualitativi delle PMI. Elena Gentile (S&D – PD), membro della Commissione EMPL ed impegnata sui temi di welfare e occupazione ha ribadito la sua disponibilità a lavorare insieme a livello europeo, proponendo di rincontrarsi insieme alle colleghe a breve anche a Roma per meglio approfondire le proposte emerse.

In chiusura, Elisa Vitella, ricapitolando i temi e le proposte emerse, ha confermato la disponibilità e l’impegno di CNA a collaborare attivamente per supportare il lavoro delle Europarlamentari nella tutela degli interessi delle PMI italiane.

Imprenditrici e europarlamentari, soddisfatte dello scambio concreto di informazioni e proposte, hanno convenuto che questa occasione ha gettato basi concrete per future iniziative comuni.   

Links: 
Area Tematica: