. La Maestra Artigiana che tocca con mano le opere di Botticelli e Donatello

L’ultimo riconoscimento, in ordine di tempo, è quello di Maestro Artigiano, conferito dalla Camera di Commercio di Arezzo. È assegnato a chi “ha dimostrato non solo eccellenti capacità nel proprio lavoro, ma soprattutto una particolare attitudine a trasmettere alle nuove generazioni le conoscenze e le competenze del mestiere artigiano”.Le motivazioni sono sulla carta ma sono, soprattutto, nei dipinti di musei, chiese e collezioni che Nadia Presenti ha restituito a nuova vita con un prezioso lavoro di restauro. 

Diplomata all’Istituto d’arte di Siena, ha perfezionato l’antica arte della costruzione dei dipinti a tempera su fondo oro presso la bottega senese del maestro Pettini. Nel 1991 si è diplomata con la qualifica di restauratore per i beni culturali, specializzandosi nella conservazione e nel restauro dei dipinti su tela e su tavola.

Dal 1991 Nadia lavora come professionista per importanti musei comunali e statali, enti pubblici ed ecclesiastici. Come esperta di opere d’arte, è perito del Tribunale di Arezzo. Esegue lavori di restauro su incarico diretto delle Soprintendenze per i Beni Artistici di Arezzo, Siena e Pisa. Ed è autrice di numerose pubblicazioni sulla conservazione dei dipinti. 

Nadia guarda al passato ma si è impegnata anche in una sorta di moderna arte: ha collaborato alla realizzazione delle vetrine dei più importanti punti vendita internazionali de I Pellettieri d’Italia (Prada). 

Puoi continuare a leggere la storia di Nadia Presenti e gli altri racconti di quotidiano ingegno su CNAStorie