. Maltempo. Cittadini e imprese ancora una volta in ginocchio, amministrazioni carenti sulle manutenzioni

“La situazione è inaccettabile. Imprese e cittadini si ritrovano a dover fare i conti con frane e blackout ogni volta che c’è maltempo. E’ preoccupante la mancanza di prevenzione da parte delle amministrazioni locali e degli enti preposti, che denota scarsa attenzione all’assetto idrogeologico del territorio e incapacità di trovare i fondi necessari, e la mancanza di manutenzione da parte di Enel”.

Il Presidente CNA Area Montagna Roberto Pighini dà voce agli imprenditori della montagna, che in questi giorni stanno contattando gli uffici CNA per segnalare gravi disagi nello svolgimento delle attività per via di frane, smottamenti, interruzioni di corrente elettrica e strade chiuse alla viabilità.

“Le aziende di tutti i comparti sono danneggiate – continua Pighini - dal settore edile e cantieristico alle ditte di autotrasporto al commercio. Noi di CNA continueremo a monitorare l’evolversi della situazione e ci confronteremo con gli amministratori locali, affinché si facciano portavoce dei disagi subiti dalle aziende presso gli enti competenti”.

“Oltre alle responsabilità degli enti locali – conclude il presidente CNA dell’area montagna - anche Enel ha dimostrato scarsa attenzione, lasciando al buio imprese e cittadini in alcuni casi per più giorni in altri per poche ore. A Miscoso da giorni non funzionano i telefoni fissi. Facile immaginare cosa significa questo per le imprese. Per non parlare delle frazioni isolate. Il problema è a monte, nella mancanza di una regia e di una macchina organizzativa in grado di fare manutenzione nei mesi estivi e mettere a punto piani di intervento collaudati su situazioni che, specie in montagna, non sono così sporadiche”.

 

Area Tematica: