. Oltre 10.000 visitatori a "Il Rumore dell’Arte"

Ha chiuso i battenti, dopo 53 giorni di esposizione, la mostra/mercato Il Rumore dell’Arte, svoltasi a Palazzetto Baviera di Senigallia dall’8 luglio al 30 agosto. Un’iniziativa di Cna, con il contributo della Regione Marche e il patrocinio del Comune di Senigallia, nata da un’idea di Legatoria Librare e Studio Arti Tessili La Congrega. Grandissimo successo – oltre 10.000 i visitatori - per questa esposizione fuori dall’ordinario, animata da 20 artigiani, coordinati dalla Cna, che hanno dato vita ad una rete di imprese, costituita da: orafi, argentieri (ed altri materiali preziosi), liutai e fisarmonicisti, ceramisti, vetrai artistici, battitori del ferro, cartai (a mano), stampatori a ruggine, cappellai, sarti (su misura), restauratori tessili.

Le opere esposte, in alcuni casi lavorate dal vivo durante le serate live, si sono inspirate agli stucchi del Brandani presenti nelle stanze di Palazzetto Baviera declinati nei diversi materiali: la carta a mano, le stoffe della sartoria su misura, i cappelli intrecciati a mano, vetrate artistiche, fisarmoniche e violini, ceramiche, oreficeria e altri metalli preziosi.

“L’arte non è silenziosa – spiega così il titolo dell’iniziativa Elisabetta Grilli, responsabile Cna Artistico e Tradizionale -, quella prodotta dall’artigiano nel suo ambiente è una colonna sonora composta da movimenti delle mani, strumenti utilizzati, tecnologie sperimentali, suono della voce, del vivere un mestiere. Il progetto, nel suo complesso, si è posto lo scopo di promuovere e commercializzare le eccellenze dell’artigianato artistico regionale che, insieme all’enogastronomia, al paesaggio e all’architettura monumentale del nostro territorio, sono l’emblema della ricca pluralità dell’eccellenza della nostra regione, fattore economico e culturale su cui pensare un’economia che va oltre le produzioni più classiche espresse dai nostri distretti”. 

Area Tematica: