. Pesaro, quando la pizza fa integrazione corso multietnico sforna nuovi pizzaioli

Lo “stage” formativo internazionale organizzato da CNA Alimentare e FormArt Marche

Si è chiuso con successo il nuovo corso per pizzaioli organizzato dalla CNA e dal Form.Art Marche. Altri promettenti pizzaioli hanno ottenuto l’attestato di partecipazione rilasciato da FORMART e CNA di Pesaro al termine del corso della durata di 30 ore che li ha addestrati nella preparazione delle varie tipologie di pizza non trascurando nulla nei processi della lavorazione: dall’impasto alla lievitazione; dalla scelta degli ingredienti alla cottura, fino al tipo di farcitura. Insomma ogni segreto per sfornare un prodotto di alta qualità.

Ma questo è stato un corso diverso da tutti gli altri. Già perché la maggior parte dei partecipanti è di origine extra Ue. Si tratta di giovani iscritti al programma Sprar, il Sistema di protezione per rifugiati e richiedenti asilo, gestito a Pesaro dalla Cooperativa Labirinto. 

“E’ stato un altro successo, a dimostrazione che questo tipo di corso oltre a offrire reali opportunità di lavoro, può diventare un momento di reale integrazione. E infatti - dice il presidente di CNA Alimentare, Giovanni Bertulli - il corso multietnico per piazzaioli è diventato occasione di scambio e confronto e collaborazione tra giovani provenienti da paesi diversi del mondo”.  

Al termine del corso svoltosi al Ristorante Al Parco di via del Vallo - sponsorizzato da Tornati Forni Pesaro - e tenuto dal maestro Foster Fronzi, sono stati “promossi” i seguenti pizzaioli: Ali Abdurahman (Somalia); Ali Babar (Pakistan); Baldeh Samba (Gambia); Darziwa Azimi (Afghanistan); Dicko Mamadou (Mali); Fofana Mamadou (Mali); Hussain Sayed Jamshed (Pakistan); Ibrahim Abdivamman (Etiopia); Muhammad Irfan (Pakistan); Tajummal Qasim (Pakistan).

Un altro corso per piazzaioli è in fase di organizzazione. Per informazioni e iscrizioni: 348-7009516 Laura Pucci 0721 426122.

Area Tematica: