. Piena del Reno, danneggiamenti anche alle imprese

“Sono state giornate drammatiche per il nostro territorio. Oltre ai cittadini che hanno subìto tanta paura e molti danni, anche diverse imprese all’apertura di questa mattina hanno segnalato problemi legati agli allagamenti, soprattutto nell’area di Argelato. – È il commento di Maria Luisa Rubbi, imprenditrice e presidente Area Reno Galliera CNA Bologna. Ringraziamo di cuore le forze dell’ordine e tutte le comunità dell’area Reno Galliera per quanto hanno fatto e stanno ancora facendo per rispristinare la normalità”.

“CNA – prosegue - sarà a fianco delle imprese che hanno subìto danni e che vorranno chiedere risarcimenti oltre che sostegno. Riteniamo che questi eventi legati all’esondazione del Reno purtroppo rischiano di ripetersi, a causa probabilmente delle variazioni climatiche, per cui è davvero importante che tutte le Istituzioni, da quelle nazionali, a quelle regionali, a quelle locali, facciano il possibile e l’impossibile per mettere in sicurezza gli argini del fiume e comunque tutto il regolare scorrimento delle acque del Reno. Altrettanto importante è che si ripristino al più presto le strade colpite dall’esondazione perché per le imprese è davvero indispensabile potersi muovere con rapidità sulle strade del nostro territorio”.

CNA questa mattina ha fatto una prima ricognizione tra le imprese di Castel Maggiore ed Argelato per una stima dei danni. Se l’esondazione di sabato ha colpito duramente le abitazioni private e le campagne, al momento sono una decina le imprese che hanno segnalato problemi legati agli allagamenti. Però sono anche diversi gli imprenditori che hanno subito danni nelle loro abitazioni private, così come i loro dipendenti che a causa dell’allagamento della loro casa oggi non sono potuti andare al lavoro. Gli uffici territoriali CNA, in particolare quello di Reno Galleria in Via Xxv Aprile 22 a San Giorgio di Piano, si mettono a disposizione delle imprese che avessero necessità legate ai disagi dell’esondazione del Reno.

CNA è soddisfatta per l’annuncio della Regione di richiesta dello stato d’emergenza e per la disponibilità della Regione e dei Comuni a garantire la possibilità per i cittadini di ottenere risarcimenti. Ma purtroppo visto che questi eventi si ripetono nel tempo e ogni volta con conseguenze sempre più gravi, la protezione degli argini e la manutenzione del Reno e dei corsi d’acqua deve sempre più essere una priorità, certamente per Reno Galliera, ma in generale per tutta la Città Metropolitana di Bologna.

“È stato di grande conforto e di grande valore – conclude Maria Luisa Rubbi – l’impegno assoluto delle forze dell’ordine, della protezione civile, del genio ferroviario, della polizia municipale, dei vigili del fuoco a cui va tutto il nostro ringraziamento, così come a tutta la comunità di Reno Galliera: amministratori, funzionari e cittadini volontari”.