. Pmi, secondo trimestre al galoppo

Anche per le imprese manifatturiere modenesi sotto i 50 dipendenti accelera la ripresa. Dopo un primo trimestre che aveva fatto segnare un lusinghiero +5,4% per ciò che riguarda la produzione e +6,7% per il fatturato, nel periodo aprile-giugno si registra un nuovo balzo in avanti, rispettivamente del 7 e 7,1%.  Per una volta, l’effetto traino arriva dal mercato interno, considerato che le esportazioni di minuiscono di 6 punti dal 26% di fine 2016. In progresso anche gli ordinativi, sia quelli nazionali (+5,1) che quelli esteri (+6,9). Sostanzialmente stabile l’occupazione (+0,5%).

 

ORMAI RAGGIUNTI I LIVELLI PRE-RECESSIONE

La progressione annuale vede ormai a un passo i livelli pre-crisi del 2006: fatturato e produzione raggiungono infatti i valori massimi da dieci anni a oggi.

 

 

I SETTORI

Con la sola eccezione dell’abbigliamento e del biomedicale, tutti i settori sono in crescita, in qualche caso – meccanica e macchinari elettronici su tutti – in doppia cifra (ciascun valore fa riferimento alla variazione rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente).

 

ALIMENTARE

parametro

2° trim. 2016

2° trim. 2017

1° trim. 2017

 

PRODUZIONE

-2,8%

+1,8%

+4,7%

 

FATTURATO

-4,8%

+3,1%

+12%

 

ORDINI ITALIA

-1,4%

0%

+8,2%

 

ORDINI ESTERO

+9,6%

+5,7%

+4,4%

 

Ben diversa rispetto ad un anno fa la situazione del comparto alimentare, con una crescita che continua anche in quello che è il trimestre – il secondo, appunto – meno florido dell’anno. Stabile la quota di fatturato estero (11,7% di quello totale) e occupazione in crescita di un punto percentuale.  

 

MAGLIERIA

parametro

2° trim. 2016

2° trim. 2017

1° trim. 2017

 

PRODUZIONE

-8,2%

11,7%

-2,2%

 

FATTURATO

-9,2%

6,8%

-1,8%

 

ORDINI ITALIA

-5,7%

-0,5%

+1,5%

 

ORDINI ESTERO

-23,5%

-11,1%

-7,4%

 

Buona performance per il comparto della moda che individua le produzioni in conto terzi. Permane però, e lo conferma l’andamento degli ordinativi, un clima di precarietà.

 

ABBIGLIAMENTO

parametro

2° trim. 2016

2° trim. 2017

1° trim. 2017

 

PRODUZIONE

-1%

-12,5%

+10%

 

FATTURATO

-9%

-11%

+5,9%

 

ORDINI ITALIA

-11,9%

-5,9%

+3%

 

ORDINI ESTERO

+9,3%

+5,6%

-11,7%

 

La situazione più grave arriva dall’abbigliamento, e si tratta di un risultato abbastanza sorprendente, visto che si tratta del segmento produttivo caratterizzato da aziende in conto proprio collocate nella fascia medio-alta del mercato). Va detto però che si tratta di un settore caratterizzato da una certa volatilità statistica.         

 

PRODOTTI IN METALLO

parametro

2° trim. 2016

2° trim. 2017

1° trim. 2017

 

PRODUZIONE

+3,5%

+11%

+9,9%

 

FATTURATO

+5,4%

+13%

+13,3%

 

ORDINI ITALIA

+5,3%

+11,9%

+16,8%

 

ORDINI ESTERO

+13,1%

+14,4%

+26,3%

 

Il settore, che coincide con la carpenteria pesante, continua a muoversi su buoni livelli, sia in Italia che all’estero (esportazioni a quota 13% del totale). Bene anche l’occupazione, che nel trimestre cresce di due punti.

 

MACCHINE E APPARECCHI MECCANICI

Parametro

2° trim. 2016

2 trim. 2017

1° trim. 2017

 

PRODUZIONE

-18,5%

+20,7%

+5,5%

 

FATTURATO

-18,5%

+14,8%

+6,7%

 

ORDINI ITALIA

-8,5%

+14,9%

+5%

 

ORDINI ESTERO

+22,3%

+12,9%

+10%

 

Crescita record per la meccanica di precisione, che rappresenta la spina dorsale del sistema manifatturiero di casa nostra. Crescono infatti a due cifre sia la produzione, sia il fatturato, denotando un recupero importante in termini di redditività. La qualità del comparto è certificata anche dalla sua propensione all’esportazione, visto che quasi un euro fatturato su due (per la precisione il 46,7%) arriva da oltreconfine.

 

BIOMEDICALE

Parametro

2° trim. 2016

2° trim. 2017

1° trim. 2017

 

PRODUZIONE

+12,1%

-3,2%

+14,9%

 

FATTURATO

+1,2%

-0,1%

+4,9%

 

ORDINI ITALIA

-7,8%

+5,1%

+7%

 

ORDINI ESTERO

+29,4%

+5,9%

+2,8%

 

Viste le attese sul futuro, rappresentate dagli ordinativi, non preoccupa il segno meno del biomedicale, che rimane uno dei comparti più dinamici del manifatturiero modenese.

 

MACCHINE E APPARECCHIATURE ELETTRICHE ED ELETTRONICHE

Parametro

2° trim. 2016

2° trim. 2017

1° trim. 2017

 

PRODUZIONE

+5,8%

+18,3%

+1%

 

FATTURATO

+5,6%

+29,8%

+1,8%

 

ORDINI ITALIA

+6,9%

+10,6%

+8,3%

 

ORDINI ESTERO

-10,3%

+19,5%

-8,1%

 

Anche questo settore, il più propenso all’innovazione, marca una buonissima performance, anche rispetto alle esportazioni, che si mantengono attorno al 37% del fatturato.

 

LE CONSIDERAZIONI DI CNA: Sfruttare le opportunità di Industria 4.0 per consolidare la ripresa

 

E’ una ripresa sempre più robusta e solida quella delle imprese manifatturiere con meno di 50 dipendenti. Quella realizzata nel secondo trimestre 2017, infatti, oltre ad essere la quarta consecutiva, è la seconda per dimensione tra le ultime venti rilevazioni.

Purtroppo, gli elementi di incertezza – soprattutto  a livello politico e sociale – non mancano, e l’orizzonte temporale è molto più limitato rispetto all’epoca pre-recessione, ma rimane la sensazione di una situazione in costante miglioramento per il sistema economico.

Certo, si tratta sempre di medie. In altre parole, è una crescita ancora a macchia di leopardo, che non esclude situazioni di crisi.

Le imprese più sane? Quelle che hanno investito, sia in macchinari che in formazione. “Da questo punto di vista – sottolinea la nota stampa di CNA – il piano Industria 4.0 è accompagnato da agevolazioni importanti, sia sul versante finanziario che fiscale. Ma, al di là, degli incentivi, l’innovazione e il controllo di gestione rappresentano le carte più importanti per sfruttare la congiuntura economica favorevole”.

Proprio per agevolare le imprese in questa direzione CNA Modena ha costituito un vero e proprio team in grado di dare il proprio supporto, anche da un punto di vista tecnologico, alle aziende (info tel. 059 418553).

 

Area Tematica: