. Poletti alla CNA: "Un contenitore di idee e di iniziative"

“Garanzia Giovani rappresenta una risposta intelligente alla disoccupazione dei giovani, una delle più grandi emergenze del Paese. Gli ultimi dati dell’Istat indicano che è al 36,9%. Dieci anni fa i giovani disoccupati erano il 21,7%. Le piccole imprese e le imprese artigiane possono sicuramente rappresentare una risposta concreta alla disoccupazione giovanile. E possono costituire la chiave di volta per azioni mirate e ben organizzate. Per questo sono particolarmente efficaci le iniziative che guardano alle nuove generazioni come futuro del nostro Paese e non come problema da risolvere”.  

Lo si legge in una nota della CNA presentata in occasione della videoconferenza che si è svolta oggi presso la CNA Nazionale, e che ha visto in collegamento le sedi territoriali, sul tema Garanzia Giovani e sul contributo delle piccole imprese e delle imprese artigiane per incrementare l’occupazione giovanile.

“E’ necessario - prosegue la nota -  dare continuità a tutte le forme di incentivazione e di promozione per facilitare l’ingresso dei giovani nel mondo del lavoro sia attraverso i meccanismi dell’alternanza scuola-lavoro che attraverso l’apprendistato. Allo stesso tempo vanno sostenute quelle misure ad hoc che possono aiutare la trasmissione di impresa e in generale l’ autoimprenditorialità”.

In apertura dei lavori della videoconferenza, alla quale è intervenuto il consigliere del Ministro del Lavoro Donato Montibello, è stato trasmesso un videomessaggio del Ministro Giuliano Poletti. “Garanzia Giovani è un progetto molto importante  - ha affermato Poletti nel videomessaggio - abbiamo più di un milione di giovani che si sono registrati a questo programma. Per noi è un grande contenitore di idee e di iniziative, e stiamo lavorando quotidianamente per fare in modo che le associazioni e le imprese che hanno idee, che hanno voglia di fare delle cose, trovino con noi la forma e la modalità per farle. E’ la prima volta che in Italia c’è un vero progetto di politiche attive. Per poterlo sviluppare possiamo metterci la parte che ci compete, ma abbiamo bisogno di tutti per ottenere buoni risultati”. 

 

Guarda il videomessaggio del Ministro Poletti alla CNA

Area Tematica: