. Prostrazione e preoccupazione tra i titolari delle aziende insediate nella zona industriale di Ragusa

“La prostrazione e la preoccupazione che imperversa sempre più tra i titolari delle aziende insediate nella zona industriale di Ragusa hanno ragione d’essere ancora di più dopo gli ultimi episodi criminali che si sono verificati in queste ultime settimane. Addirittura, la Spadola & Tumino, dove si è registrato il furto, non consumato del tutto, lo scorso fine settimana, ha dovuto fare i conti con ben altri tre episodi del genere a partire dallo scorso mese di ottobre. E’ una situazione a dir poco insostenibile”. Ad affermarlo è il presidente della CNA comunale di Ragusa, Santi Tiralosi, con il responsabile organizzativo, Antonella Caldarera, che tornano a manifestare le proprie perplessità per quanto sta accadendo nell’area in questione. “Esprimiamo, naturalmente – continuano Tiralosi e Caldarera – la nostra piena solidarietà ai titolari dell’azienda, nostra associata ormai da anni, alle prese con questa piaga quindi da qualche tempo. E, purtroppo, così come abbiamo avuto modo di appurare nei giorni scorsi, si tratta di una piaga che ha investito anche altre aziende insediate nell’area in questione. Sollecitiamo le forze dell’ordine a intensificare i controlli, invochiamo i rappresentanti delle istituzioni a trovare delle soluzioni condivise così da fronteggiare il fenomeno, auspichiamo che l’attenzione non cali perché è fin troppo evidente che i malintenzionati sfrutteranno il calo di tensione sull’argomento per cercare di mettere a segno altri colpi. E tutto questo non lo possiamo consentire. Anche noi diciamo basta a questo stato di cose e chiediamo il supporto delle istituzioni per sanare una pesante falla”.