. Rinvio raddoppio statale adriatica: "Si resti uniti e si vada avanti"

CNA Ancona e CNA Fita invitano alla calma dopo il rinvio del progetto per il raddoppio della Statale Adriatica tra Ancona e Falconara. I tecnici di Anas e Comune devono continuare il lavoro per riprogettare la nuova viabilità che collegherà il porto con l’A14. Tutte le forze politiche e socio-economiche devono invece rimanere compatte sulla soluzione individuata per non perdere i fondi e soprattutto la certezza che questa sia la “strada giusta”.

Abbiamo perso molto tempo alla ricerca di una viabilità che permettesse alla molteplicità di mezzi pesanti di uscire dal porto agevolmente, evitando ritardi che incidono sui costi delle aziende e soprattutto cercando di limitare al massimo l’inquinamento da polveri e il disagio alla città.

Il raddoppio della statale Adriatica, unitamente alla nuova organizzazione della viabilità in uscita dal porto, è a giudizio di tutta la Cna un obiettivo da perseguire da parte di tutte le forze politiche e sociali senza tentennamenti, andando avanti anche in questo momento difficile.

Abbiamo atteso 30 anni e non ci illudevamo che potesse essere una strada breve e semplice quella che oggi si prospetta di fronte a noi. Le risorse stanziate devono e possono rimanere su questo progetto a condizione che vi sia una città e una regione unita su questa importante infrastruttura.

“Lo stop alla riprogettazione è sicuramente una doccia fredda – commentano Andrea Cantori e Fausto Bianchelli, rispettivamente segretario Cna di Ancona e segretario Cna Fita – ma non dobbiamo assolutamente sfaldare il fronte unitario che ha portato fin qui. La paura di perdere risorse ci deve spingere a restare uniti e a chiedere il tempo necessario per riavviare le attività, sciogliendo il nodo sulle gallerie, facendo sentire alle amministrazioni di Ancona e Falconara che le categorie produttive sono al loro fianco per offrire sostegno, se necessario e sarà richiesto, nelle battaglie che si dovranno fare per far pressione sul ministero”.

 

 

 

Area Tematica: