. Silvestrini: "Dialogo e connessione per il cambiamento"

Il cambiamento e la vicinanza alle imprese sono state le parole più pronunciate e condivise nel corso del meeting annuale dei dipendenti del gruppo CNA Siena. Presente anche il segretario generale CNA  Sergio Silvestrini: "Abbandonare i sovranismi dentro il sistema, se presenti, e mettere a disposizione di tutti le straordinarie competenze che abbiamo. La scelta strategica di andare verso i servizi per mestiere è prima di tutto una rivoluzione culturale che stiamo perseguendo con determinazione. Unire e fare squadra ad ogni livello dell'associazione è il collante di questo cambiamento. Nei prossimi mesi ci saranno iniziative da questo punto di vista. Sono già in calendario. Dialogo e connessione saranno gli elementi fondamentali di questi passaggi. Siamo una bella organizzazione fatta di gente per bene. Siamo e vogliamo continuare ad essere un punto di riferimento, mantenere la capacità di ascolto con umiltà, ma anche con la necessaria forza e determinazione".

Per Fabio Petri, presidente CNA Siena e vice presidente nazionale dell'associazione: "Stiamo andando avanti nel grande percorso di cambiamento iniziato da quale anno. Ora la grande sfida saranno i servizi specializzati per mestiere, fatti non solo di adempimenti,  ma anche di consulenze specifiche. Indispensabile andare avanti con il grande lavoro che sta facendo CNA nazionale,  che non solo da la linea, ma offre anche un supporto fondamentale per i territori".

Al meeting è stato presente anche il professor Philippe Daverio, che ha incentrato la sua relazione sul valore dell'artigianato nella società moderna ed il ruolo delle piccole imprese nel cambiamento: "Siamo in un periodo di grande cambiamento in cui il modello dell'impresa artigiana è l'unico che realmente produce qualcosa, usando un'iperbole. Il valore del manufatto quasi realizzato su misura sarà la necessaria evoluzione del mercato. L'Italia ha pratiche e manualità che ci hanno resi unici nei secoli.

Area Tematica: