. Tra i progetti finanziati dalla Regione Toscana anche la Bottega Scuola di Santi del Sere

Approvato dalla Regione Toscana il progetto per realizzare percorsi formativi nella Bottega Scuola di Santi Del Sere ad Anghiari. Mastro Santi potrà così trasmettere ai giovani le conoscenze e le competenze del maestro artigiano, supportando il ricambio generazionale e facilitando il loro inserimento lavorativo.

Mastro Santi Del Sere, artigiano dal 1989, si è formato e diplomato all’Istituto Statale d’Arte di Anghiari nell’arte del legno e nel restauro del mobile antico. Nella sua bottega, si occupa in particolare di restauro del mobile antico ed è padrone assoluto delle tecniche di tarsia e intaglio. Nel 2013 ha conseguito, primo in provincia di Arezzo, la qualifica di Maestro Artigiano e la sua attività è diventata Bottega Scuola. All'arte della tarsia, Santi Del Sere ha dedicato recentemente una pubblicazione "TARSI Decorazione preziosa", un grande lavoro di raccolta dedicato alle tecniche dell'intarsio che valorizza la sapienza creativa dell'artigianato e la manualità paziente e raffinata che rendono unico ogni pezzo.

“L'approvazione del progetto formativo di Mastro Santi è il riconoscimento di una delle figure professionali di più alto livello. E non solo nel nostro territorio – commenta Marco Conti, Presidente dell’Artigianato Artistico di CNA Arezzo. Del Sere ha qualità che sono certamente utili alla trasmissione del suo “saper fare” alle nuove generazioni. La sua esperienza dimostra che l’artigianato artistico è ancora forte, capace di aggregare forze nuove e di rafforzare il marchio della Toscana a livello internazionale”. Da anni ai vertici di CNA, Mastro Santi è uno dei pochi esempi di come l’artigianato artistico, oltre alla riproduzione di opere e idee del passato, possa giungere a un propria identità artistica e produttiva pienamente e concretamente inserita nel presente.

“Ritengo questo risultato importante sia per me che per Anghiari e la scuola d’arte che mi ha formato - è il commento di Santi Del Sere appena avuta notizia del finanziamento regionale - Non è facile per un artigiano essere formatore, occorre sicuramente una predisposizione per insegnare e tramandare conoscenze apprese in lunghi anni di lavoro. Con questo progetto i ragazzi avranno la possibilità di formarsi in una bottega qualificata; anche così si tutela la nostra cultura artistica nota in tutto il mondo e si aprono nuove prospettive di lavoro per i giovani”.

 

Area Tematica: