. Trasporto pubblico locale, più spazio alle imprese del settore privato

“Le imprese artigiane svolgono un ruolo indispensabile ed insostituibile nel trasporto pubblico locale umbro e meritano di occupare uno spazio maggiore”.

Ad affermarlo è Enrico Ceccarelli, appena rieletto presidente del C.A.M., il consorzio artigiano che dal 2002 raggruppa le oltre 100 imprese e consorzi del settore aderenti a CNA e Confartigianato. Ceccarelli, titolare di una storica impresa di trasporto persone e dirigente regionale di CNA Umbria, delinea le strategie in vista della prossima gara di Tpl.

“Entro il 2018 dovrà essere definito il nuovo piano di bacino e indetta la gara del trasporto pubblico locale, che potrebbe rappresentare un’occasione importante per dare finalmente una svolta al sistema di gestione del settore. In Umbria la percentuale di operatori privati che hanno in gestione servizi di trasporto pubblico è tra le più basse d’Italia: appena il 10% rispetto a regioni in cui si arriva anche al 30%. Eppure le imprese aderenti al Cam danno un contributo importante all’occupazione, all’economia regionale e alla mobilità degli umbri con gli oltre 1000 addetti, i circa 4 milioni di chilometri annui percorsi e le migliaia di persone che ogni giorno usufruiscono del servizio. Imprese che, accanto al Tpl, operano nel trasporto scolastico nel turismo. È arrivato il momento di valorizzare meglio soggetti che, prestando servizio su linee a bassa intensità e in località svantaggiate, svolgono un ruolo insostituibile e non attuabile dai grandi operatori”.

Grazie agli investimenti effettuati con grandi sacrifici, oggi Cam conta su una flotta di circa 150 autobus che rappresentano un insostituibile patrimonio per la realtà regionale, alle prese con un processo di riorganizzazione che deve tenere ben saldi i principi dell’efficienza e dell’economicità dei servizi. “Di fronte al profondo mutamento delle esigenze di mobilità della collettività e alla scarsità di risorse disponibili, crediamo che le imprese artigiane del settore dei trasporti siano in grado di esprimere livelli di flessibilità, capacità, economie di scala e soluzioni organizzative innovative che le Istituzioni potranno sfruttare a vantaggio degli utenti. Noi – conclude Ceccarelli - siamo pronti ad assumerci nuove responsabilità ed a investire su progetti condivisi del comparto per migliorare la qualità della risposta alle esigenze dei cittadini”.

Area Tematica: