. Vegea srl e M3Datek srl seconda e terza sul podio

Droni per il trasporto di sangue, solette per migliorare la prestazione degli atleti; un sistema di prenotazione di strutture amiche dei disabili e app per studiare percorsi in città a portata di carrozzina. E ancora: dispositivi che insegnano ai bambini la matematica; tecniche innovative per combattere l'infertilità e spugne in grado di assorbire sostanze tossiche dai mari in caso di catastrofi naturali. Sono solo alcune delle idee presentate stamane nel corso della finale che ha concluso la seconda edizione del Premio “Cambiamenti”, organizzato dalla CNA per le imprese che operano da meno di tre anni con progetti e idee innovative. Vulcanici e innovativi, i 25 finalisti si sono sfidati davanti a una giuria composta da rappresentanti del mondo dell’imprenditoria, della cultura e del giornalismo a colpi di idee. Tre i vincitori: HotBlack Robotics srl la prima classificata, Vegea srl e M3Datek srl seconda e terza sul podio. Tre storie diverse con un fattore comune: la proposta di cambiamento.

Oltre 700 le imprese iscritte quest’anno, cento in più dell’anno scorso, con un grande coinvolgimento dei territori che hanno organizzato più di 20 iniziative nelle diverse realtà diffuse in tutt’Italia.

In palio 20.000 euro per la prima classificata, 5.000 per la seconda e la terza, compresi due meeting di lavoro a Dublino presso i quartier generali di Google e  Facebook per incontrare gli esperti di marketing, e tante opportunità di servizi offerte da CNA e dai partner del premio. Insieme a CNA, promotrice del premio, sulle nuove imprese italiane puntano Artigiancassa (main partner), Google, Facebook, Italia Startup, TAG, HFarm, Tim #WCAP, Starsup e Roland.

“La nostra Confederazione ha una straordinaria voglia di aprirsi al mondo dei giovani imprenditori che scommettono sul loro futuro, che intraprendono quella che io definisco una missione: dare una mano non solo a un'impresa ma all'intero paese" ha detto il Presidente Nazionale CNA, Daniele Vaccarino. Per il Segretario Generale, Sergio Silvestrini "i giovani portano intelligenza, creatività sociale, investimenti e voglia di fare. Sono la parte migliore del Paese che noi vogliamo promuovere sempre di più. Il Paese oggi vive una fase complessa e difficile, forse più rivolto a se stesso che al futuro; noi invece vogliamo parlare al futuro. Parlare ai giovani credo sia un modo positivo di parlare al futuro" ha concluso Silvestrini.

Guarda il video integrale della finale

Le tre vincitrici del Premio Cambiamenti 2017

HotBlack Robotics vuole democratizzare, ovvero rendere accessibile a tutti, la robotica tramite la tecnologia abilitante del cloud computing e IoT: creando così la cloud robotics. La piattaforma di cloud robotics vede come valore centrale la crescente community di robot developers che crea, condivide e gestisce progetti di robotica in cloud (software e hardrware). Attualmente la community è focalizzata nel settore education con una partnership con Olivetti per la vendita dei kit robotici in tutta Italia e Comau per una collaborazione nel mercato dei makers (artigiani digitali).

VEGEA è un biomateriale che si ottiene della lavorazione della lignocellulosa e degli oli contenuti nella vinaccia: una materia prima totalmente vegetale costituita dalle bucce, semi e raspi dell’uva che si ricavano dalla produzione del vino. La ricerca è incentrata sulla creazione di biomateriali innovativi, compatibili con tutte le applicazioni dei settori fashion & design, per rispondere alla crescente esigenza di utilizzare prodotti green e animal free.

M3DATEK Srl propone innovativi DISPOSITIVI MEDICI STAMPATI 3D concepiti per la guarigione di ferite croniche della pelle (es. ulcere da diabete, ulcere venose, ustioni ecc) attraverso una medicazione a base di biopolimeri naturali (es. chitosano, acido ialuronico ecc) bio-assorbibile dopo l’applicazione: il dispositivo, una volta posizionato sulla piaga, può essere lasciato in sede fino al suo completo assorbimento e sostituzione da parte dei tessuti del paziente, riducendo notevolmente al paziente il disagio della medicazione e della rimozione meccanica di creme o cerotti favorendo la guarigione della ferita.

Links: 
Area Tematica: