Il Presidente Nazionale CNA Federmoda,  Marco Landi, ha partecipato sabato 23 marzo al Festival dell”Economia Circolare di Prato. 

Durante il suo intervento ha sottolineato che “l’economia circolare non poteva avere un luogo di discussione migliore. Prato ha una storia e un presente sul riciclato nel tessile che non ha uguali. La comunità europea ci chiede un maggiore impegno al riciclo ed alla gestione degli scarti di lavorazione .Come associazione da anni ci impegniamo per sostenere le start up in questo settore. La Bisbag di Simona Innocente  a Scandicci è un esempio di creazione di pelletteria unica con l’utilizzo di scarti di pelletteria già avviata e già con risultati”.

Crediamo in un fronte compatto delle associazioni di categoriaha affermato Landi –  per portare avanti il progetto ed arrivare ad una soglia sempre più alta di riutilizzo degli sfridi di lavorazione per nuove produzioni e di utilizzo dello scarto ultimo per produzione di energia .Sia a Prato che a Santa Croce le associazioni stanno portando avanti progettualità in accordo con la Regione. La Toscana e l’Italia tutta ha distretti di eccellenza nel tessile abbigliamento sia dal lato qualitativo che come sostenibilità con depuratori attivi da anni ed una politica del lavoro sostenibile”.

Economia Circolare, block chain, tracciabilità e sostenibilità possono rappresentare un’ottima opportunità per il futuro della nostra manifattura. Prodotti duraturi ed attenzione sociale ci differenziano dal consumo di massa di scarsa qualità e ci consentonno di procediere verso un futuro sostenibile supportando la radice produttiva dei distretti che hanno resistito ad una globalizzazione non regolamentata e che solo con uno sforzo condiviso hanno oggi l’opportunità di dettare le nuove regole di consumo.

Il mercato ce lo chiede – ha concluso il Presidente Nazionale CNA Federmoda – la responsabilità verso il futuro anche, come CNA cercheremo di rafforzare i legami fra i vari distretti del tessile italiani e europei anche attraverso ACTE (Associazione delle Comunità Tessili Europee) con la quale organizzeremo insieme il prossimo contest per giovani stilisti a livello europeo oltre a costruire varie occasioni di incontro e discussione durante Altaroma a luglio”.