“La CNA accoglie con entusiasmo la decisione dell’Unesco di dichiarare l’Arte del pizzaiuolo napoletano patrimonio dell’umanità. La Confederazione ha sostenuto concretamente questa battaglia, aderendo alla petizione mondiale e contribuendo alla raccolta delle firme. Il coronamento di questo impegno corale rappresenta  il riconoscimento a un’attività artigiana principe, perché la vera pizza, alimento ormai globale, <si fa>, come scriveva Gaetano Afeltra, con maestria e abilità nella semplicità. Un risultato che dimostra come l’Italia, quando riesce a fare sistema superando localismi e particolarismi, sia capace di vincere sfide anche molto difficili”. Lo si legge in un comunicato della CNA.

 

Tag: