L’agroalimentare ibleo, risorsa per l’economia locale e non solo

“L’agroalimentare, una risorsa per l’economia del territorio” è il titolo della pubblicazione di aprile 2021 del centro studi CNA Ragusa in cui si fa il punto su uno dei settori portanti dell’economia iblea. Nella pubblicazione, si specifica come l’imprenditoria del comparto abbia l’obbligo di ripensare con urgenza al proprio blocco motore.

“Il nostro – spiega il responsabile del Centro studi, Giorgio Stracquadanio – è diventato un bacino agroalimentare di tutto rispetto che, senza grandi investimenti in tecniche di commercializzazione, è diventato punto di riferimento nel sistema agroalimentare nazionale”. Nel documento, inoltre, sono riportate le tabelle che chiariscono la consistenza del settore, oltre a mettere in evidenza che la provincia di Ragusa risulta essere al terzo posto in Italia nella graduatoria delle province italiane per incidenza del Pil agricolo con una percentuale che sfiora il 10%. Dato che fa emergere quanto sia alto il valore e l’importanza del distretto agroalimentare locale.

“Va riprogettato – conclude Stracquadanio – il rapporto tra la nostra economia e la società, mettendo a fuoco non solo le fratture sociali che si sono prodotte per la difficile riorganizzazione del nostro tessuto di microimprese, avviata già prima del Covid-19 e cioè con la crisi finanziaria del 2008-2010, ma ponendo al centro due punti fondanti: irrobustire il rapporto produzione e società di conoscenza globale e assemblare il tutto con il saper fare locale”. Insomma, si fa strada l’idea che il territorio ibleo possa diventare un marchio, garanzia di qualità.