Dopo un lungo iter durato circa 6 anni, prende il via oggi il Sistema telematico centrale della nautica da diporto (Siste) che introduce una radicale semplificazione e razionalizzazione nel settore della nautica. Il nuovo sistema telematico prevede l’informatizzazione della tenuta dei registri di iscrizione delle unità da diporto, precedentemente gestiti in formato cartaceo in ciascun circondario marittimo, e la cessione delle relative competenze ad un’unica autorità centrale competente su tutto il territorio nazionale.

L’utente avrà la possibilità di svolgere una serie di operazioni (come ad esempio l’iscrizione e la cancellazione delle unità da diporto), utilizzando gli sportelli dedicati e in collegamento con la banca dati centrale.

Il regolamento prevede anche l’introduzione della digitalizzazione del rilascio dei documenti di navigazione e, come misura di semplificazione, la dematerializzazione dei contrassegni di assicurazione per la responsabilità civile verso terzi, in analogia con quanto previsto per il settore delle assicurazioni RCAuto. Un risultato importante raggiunto dopo anni di impegno e lavoro. L’attenzione degli operatori del settore ora è tutta puntata ai decreti ancora mancanti per dare attuazione completa a quanto previsto dalla riforma del Codice della nautica in vigore dal 13 febbraio 2018.