Mario Pagani, Responsabile Dipartimento Politiche Industriali CNA : “Quando parliamo di credito, almeno in Italia, parliamo quasi esclusivamente di credito bancario. Gli strumenti finanziari innovativi sono ancora troppo poco significativi. Per questo siamo fortemente preoccupati dalla costante diminuzione di credito bancario alle imprese. Dalla fine del 2011 il volume complessivo di credito bancario al sistema produttivo è diminuito di 250 miliardi, praticamente 1/4 . Il dato è ancora peggiore se riferito alle imprese fino a 20 dipendenti: in questo caso la diminuzione è di 1/3. Di questo passo rischia di sparire l’ossatura del sistema imprenditoriale italiano”.

“Le imprese fino a 20 addetti rappresentano, infatti, oltre il 98% delle imprese italiane, occupano il 57% degli addetti e realizzano il 40% del valore aggiunto. Per questo riteniamo che sia una priorità per il Paese trovare soluzioni che consentano la ripresa di flusso di credito alle piccole imprese. In tal senso la CNA si mette a disposizione per condividere percorsi ed iniziative idonee a superare le criticità che oggi portano a razionare il credito alle imprese di minori dimensioni. Alle Istituzioni, al contempo, chiediamo di continuare a supportare strumenti come i Confidi che facilitano l’accesso al credito per le micro e per le piccole imprese.