Turismo. Sarà una Pasqua “mordi e fuggi”, ma ritornano gli stranieri

Vacanze brevi, perlopiù da parenti o amici e prenotazioni dell’ultimo minuto. È questo l’identikit di chi si metterà in viaggio in occasione della Pasqua e dei ponti di aprile, circa 15 milioni tra italiani e stranieri, secondo un’indagine di CNA Turismo e Commercio, ripresa in un servizio del Tg5. Lontani i tempi del tutto esaurito per il weekend di Pasqua. Le aspettative di ripresa si sono scontrate con il caro-energia e l’aumento del costo della vita. Per questo, secondo l’indagine CNA, dieci milioni di italiani si limiteranno a gite di una giornata o si recheranno in case di famiglia. Ma oltre cinque milioni di turisti sono intenzionati a pernottare in strutture ricettive perlomeno per una notte. E di questi più di un milione e mezzo saranno stranieri, in netta prevalenza dall’Europa continentale, dal Regno Unito, dagli Usa e dal Canada.